Le storie hanno da sempre una straordinaria capacità di affascinare gli esseri umani: lo hanno compreso persino coloro che lavorano nell’ambito del marketing e della pubblicità che, non a caso, negli ultimi dieci anni è sempre più orientata verso lo storytelling e le tecniche di narratologia. Questa considerazione parrebbe in contrasto con i dati sulla lettura, perlomeno in Italia, che evidenziano un calo via via sempre più consistente di lettori e lettrici abituali: eppure se c’è uno strumento, un medium che meglio di qualsiasi altro veicola il potere seduttivo delle storie questo è proprio il libro.

Certo, leggere è per certi aspetti più impegnativo rispetto a guardare un film o una serie tv; noi di Artwave, tuttavia, crediamo che con il romanzo giusto chiunque possa appassionarsi alla letteratura ed è per questo che, qualche mese fa, abbiamo realizzato una serie di articoli ad hoc con suggerimenti letterari dedicati proprio a chi non legge. 

Lo scorso 5 febbraio è stata varata la tanto attesa Legge per la promozione e il sostegno alla Lettura che ha diviso il mondo dell’editoria: se da una parte, infatti, sono stati stanziati cospicui fondi e istituite iniziative come la Carta della Cultura (un bonus elettronico di 100 euro da spendere per l’acquisto di libri ma anche spettacoli teatrali e servizi culturali in genere riservato a coloro che sono in una condizione economica particolarmente svantaggiata), il limite di sconto fissato al 5% sul prezzo di copertina ha destato non poche polemiche. Gli effetti -positivi e negativi- di tali misure si vedranno nel tempo: quello che invece è già evidente da molti mesi, se non da anni, è che le librerie nel nostro Paese chiudono, schiacciate dai colossi online come Amazon e IBS. 

Se questo è un dato incontrovertibile e su cui occorre riflettere, abbiamo altresì notato che ci sono diversi progetti innovativi che stanno prendendo il via in diverse città italiane così come si stanno manifestando iniziative originali legate al mondo della scrittura, dell’editoria e della lettura che propongono nuovi approcci al mondo dei libri e della letteratura: nasce così Biblionova, una nuova rubrica che Artwave dedica a librerie e case editrici indipendenti ma anche a progetti di diffusione e divulgazione della letteratura che, soprattutto mediante i social media, stanno generando una nuova ondata di amore per la lettura in tutte le sue forme.

Illustrazione di © Flavia Trifiletti

Biblionova è dunque un contenitore virtuale che descrive, analizza, racconta come sta cambiando il mondo dei libri e della lettura attraverso le voci dei suoi protagonisti: attraverso interviste, reportage esclusivi e molto altro scopriremo insieme in che modo le professioni dell’editoria e della cultura letteraria si stanno ridefinendo e come sta cambiando il rapporto con il pubblico, ovvero con i lettori e le lettrici di tutta Italia.

Biblionova nasce dal desiderio della redazione di Artwave di dare spazio e visibilità a tutti coloro che consapevolmente e coraggiosamente hanno deciso di dedicarsi alla promozione e alla divulgazione del sapere letterario e culturale in genere: per saperne di più e/o segnalare progetti, iniziative e nuove aperture (online e offline) scriveteci a info@artwave.it!

© riproduzione riservata