Oggi le persone possono contare sulla presenza di tantissimi giochi, più o meno moderni, perfetti per passare il tempo. A dire il vero ci sono alcuni giochi classici che non passano mai di moda, e che anzi hanno trovato un nuovo sviluppo anche nel digitale, trasformandosi in videogames.

Non tutti hanno vissuto questa sorte, ma vale comunque la pena di scoprire insieme quali sono i giochi della tradizione più interessanti, approfondendo le loro origini e alcuni fatti curiosi.

 

La ruota della fortuna

Sono migliaia gli appassionati di questo gioco, tradizionale ma al tempo stesso moderno, al punto che lo si può trovare anche online. Sul web si trovano alcuni articoli che approfondiscono le origini della ruota della fortuna, così da scoprire nel dettaglio tutti gli aspetti di questo amatissimo passatempo d’azzardo. Questo, infatti, è anche uno dei più antichi, al punto che le sue origini affondano le radici ai tempi dell’Impero Romano, quando le lance venivano installate sugli scudi o sulle ruote dei carri, e poi fatte girare dai soldati romani.

la ruota della fortuna

Fonte: farodiroma.it

Il gioco della campana

Questo è uno di quei giochi che resterà per sempre legato alla “fisicità”, e che ha fatto divertire decine di generazioni. Ancora oggi è possibile trovare i ragazzi che lo giocano, e le classiche caselle disegnate per terra con il gessetto bianco o colorato. Persino il gioco della campana nasce al tempo dell’Antica Roma, e da lì si è diffuso in tutto il mondo, sempre per merito dei romani.

gioco della campana

Il gioco della mosca cieca

Ecco un altro grande classico che merita un approfondimento, e le sue origini sono alquanto misteriose. Le prime testimonianze risalgono ancora una volta agli antichi romani, ma non si hanno certezze in merito alla paternità di mosca cieca. Anche perché ne esistono diverse versioni, come l’acchiappino dell’Inghilterra vittoriana o la variante francese.

Una curiosità? Il gioco veniva utilizzato dai giovani nobili per iniziare gli approcci amorosi fra ragazzi e ragazze, con lo scopo di creare i primi legami sentimentali.

Il gioco delle biglie

Forse uno dei passatempi più antichi in assoluto, al punto che è impossibile sapere con certezza le sue origini. Le testimonianze più antiche lo fanno risalire all’antico Egitto e ancora una volta all’Impero romano, mentre in epoche recenti è stata la Germania uno dei paesi più attivi e interessati a questo gioco.

Le biglie erano inizialmente realizzate non in vetro o plastica ma in marmo, e avevano un valore anche economico e da collezione (un fenomeno che comunque ritroviamo anche oggi).

Ci sono tantissimi passatempi legati alla tradizione, che abbiamo giocato in passato o che continuiamo a giocare, anche se spesso ne ignoriamo le origini. Quelli visti oggi rientrano di diritto nella lista dei più interessanti.

Fonte immagine di copertina: YouTube.com
© riproduzione riservata