Che lo si ami o che lo si odi, non c’è nulla da fare, la magia del Natale alla fine contagia un po’ tutti. Gli addobbi natalizi, le luminarie per le vie del centro, gli alberi che fanno a gara per le decorazioni più belle, ma soprattuto: i presepi. Classici, di sabbia, di ghiaccio o viventi, sono una tradizione irrinunciabile e orgogliosamente italiana.

Noi abbiamo scelto per voi i più originali e particolari di tutto lo Stivale. Ecco quindi l’elenco dei più belli, assolutamente da non perdere se vi trovate in queste località per le vacanze:

Il presepe luminoso di Manarola

Iniziamo da uno dei presepi più suggestivi del Bel Paese: il presepe luminoso di Manarola, immerso nel caratteristico paesaggio delle Cinque Terre. Oltre 300 personaggi a grandezza naturale, realizzati con materiali di recupero e illuminati da circa 15.000 lampadine, vengono collocati sulla sommità della collina di Tre Croci. L’allestimento è visibile anche da molto lontano, ma il punto di osservazione privilegiato è il piazzale antistante la Chiesa di San Lorenzo di Manarola.

Fonte: genova.repubblica.it

Il presepe vivente di Matera

Impossibile non citare, nel nostro elenco, il celebre presepe vivente ambientato nei Sassi di Matera, capitale della Cultura 2019. Vengono coinvolte più di 300 persone, tra professionisti e semplici volontari che ogni anno animano la cittadina dal 7 dicembre fino al 6 gennaio 2019, attirando migliaia di visitatori da tutta Italia. Quest’anno il presepe prevede otto scene lungo i “vicinati” del Sasso Caveoso. Si camminerà dal mercato alla Corte di Erode, dalla domus romana alla natività, in un allestimento reso ancor più affascinante grazie al contributo e alla supervisione di Cinecittà Studios e dall’Accademia di Belle Arti di Bari. Maggiori info sono disponibili sul sito ufficiale.

Fonte: notizie.comuni-italiani.it

Il presepe sommerso di Laveno Mombello

Sicuramente fra i presepi più originali d’Italia, quello sommerso di Laveno Mombello, piccola cittadina affacciata sul Lago Maggiore, è composto da decine di statue a grandezza naturale che ogni anno vengono immerse fino a tre metri di profondità da un gruppo di sommozzatori esperti. L’insolita tradizione è nata più di quarant’anni fa, quando la Statua del Cristo degli Abissi venne posizionata a 23 metri di profondità sotto il livello del mare. Il presepe si può ammirare anche di sera dalla terrazza che affaccia sul lago, grazie ad un sofisticato sistema di illuminazione notturna.

Fonte: mentaerosmarino.it

Il presepe di ghiaccio di Massa Martana

Questo presepe “glaciale” non si trova al Polo Nord, ma in una pittoresca cittadina in provincia di Perugia. Il presepe di ghiaccio, mantenuto costantemente ad una temperatura di -18ºC, è dedicato alla Beata Madre Speranza. Esteso su una superficie superiore ai 15 mq con raffigurazioni a grandezza naturale scolpite su grandi blocchi di neve compattata, è illuminato da una grande quantità di luci che esaltano i riflessi della superficie ghiacciata… Da brividi!

Fonte: novevietravel.it

I presepi galleggianti di Comacchio

Sicuramente fra i più affascinati del nostro Paese, i presepi galleggianti di Comacchio sfruttano la particolare conformazione dell’antica cittadina lagunare per incantare ogni anno migliaia di visitatori. I canali, le vie d’acqua e i ponti che le sormontano vengono infatti allestiti con diversi presepi curati dalle varie diocesi del centro. la rappresentazione principale è quella inscenata sotto il seicentesco Trepponti, il ponte monumentale addobbato per le festività da luci colorate; mentre, all’incrocio tra via Carducci e via Gramsci, in corrispondenza di Ponte Pizzetti, e in via Cavour, sotto il ponte Pasqualone, sono solitamente collocati due suggestivi presepi popolari.

Fonte: ferraraterraeacqua.it

Il presepe di sabbia di Rimini

In pochi anni il presepe di sabbia di Rimini è diventato un’attrazione e un appuntamento fisso per residenti e turisti. L’iniziativa infatti è nata soltanto nel 2004 a spese di Antonio Molin e dei soci dell’Accademia della sabbia, ma ad oggi gli eventi, anche grazie al supporto del Comune che ha deciso di stanziare una cifra consistente a partire dal 2006, sono raddoppiati: uno si tiene a Marina Centro e il secondo a Torre Pedrera. Le enormi statue e le case del villaggio vengono realizzate utilizzando solo due elementi: sabbia e acqua. I presepi sono visitabili dall’8 dicembre fino al 13 gennaio 2019.

Fonte: viaggiatoriweb.it

Via di San Gregorio Armeno (Napoli)

Concludendo la lista dei presepi più belli d’Italia, non potevamo non consigliarvi una visita alla celebre via di San Gregorio Armeno, che rappresenta un appuntamento imperdibile per napoletani e turisti sotto le feste natalizie. La via infatti costituisce un grande esempio di artigianato locale e produce statuette fra le più originali e varie del mondo. La strada è un vero e proprio spettacolo di caricature dei personaggi più celebri dello showbiz, giocatori, politici, attori e showgirl. Qui L’arte presepiale mescola in modo magistrale religiosità, attualità e satira, donando un tocco di ironia al presepe tradizionale.

Fonte: ciaobellaitalia.it