Dopo la notte della Vigilia di Natale, il Capodanno è forse quella più suggestiva che infonde nell’animo sentimenti contrastanti che vanno dall’entusiasmo per un nuovo inizio alla malinconia nel lasciare andare un anno in più, con l’incertezza di quello che verrà. Inevitabilmente, la sera di San Silvestro pone uno spartiacque tra il vecchio e il nuovo, tra un passato e un futuro, tra quello che eravamo e quello che saremo. Ovviamente, per quanto i progetti e i buoni propositi si fondino su una sana consapevolezza, i giorni si sfoglieranno da sé, lasciandosi leggere, ora dopo ora, tra successi e insuccessi, gioie e dispiaceri.

Sembrerebbe quindi di dover trascorrere questa notte in un modo da ricordare, tra aspettative e preparativi. C’è poi chi, non essendo amante delle feste, lo considera un giorno come un altro in cui si deve solo cambiare agenda e calendario, una serata qualunque da passare sul divano con la solita serie Netflix. Certamente le proposte sono molteplici, soprattutto in una città viva e dinamica come Milano, dai tradizionali cenoni all’attesa in piazza; di seguito vi suggeriamo qualche proposta un po’ fuori dall’ordinario per affrontare il freddo e i timori di una notte il cui unico imperativo è quello di stare insieme a chi si ama.

Capodanno a Teatro

Il Teatro La Scala di Milano. Fonte: www.milanoevents.it.

Se le grandi mangiate vi hanno stancato e di stare seduti a tavola per ore non avete davvero voglia ma, al tempo stesso, non volete rinunciare a un look da festa, una serata al Teatro La Scala risponde sicuramente ai vostri bisogni. Il leggendario palcoscenico ospita il balletto Sylvia, spettacolo ispirato al dramma pastorale Aminta di Torquato Tasso: Sylvia ou la nymphe de Diane andò in scena per la prima volta all’Opéra di Parigi nel 1876. Questa scelta è consigliata tanto agli amanti della danza classica quanto a chi non avesse mai assistito a nulla di simile: perché non iniziare l’anno nuovo con una nuova esperienza e, magari, una nuova passione da approfondire?

Capodanno in Piazza

I nuovi “Roaring 20s” esplodono in Piazza Duomo con Milano Capodanno for Future, il buon proposito per eccellenza e il punto di partenza per pensare in maniera diversa e innovativa. Con la conduzione di Filippo Solibello di Rai Radio2, saliranno sul palco tanti artisti, tra cui la band Lo Stato Sociale e altri importanti nomi che ancora sono un segreto da svelare. Questa proposta è adatta per chi preferisce mangiare un piatto di lenticchie casalingo per poi fiondarsi con sciarpone e guanti in mezzo a tante altre persone, all’ombra della meravigliosa cattedrale meneghina.

Un Capodanno ogni ora

BASE Milano. Fonte: base.milano.it

A BASE Milano si festeggia un Capodanno all’insegna della varietà. Ogni ora, con lo spostarsi delle lancette, il ritmo e l’atmosfera del party cambia, a partire dal leggendario Karaoke “Cinepanettone Edition”. Si potrà attende la mezzanotte cantando i più grandi successi del 2019 oltre ai grandi classici del Natale. Dopo il brindisi, si balla con 1 HOUR, ogni ora una festa diversa. Un mega countdown di 60 minuti detterà la durata di un party a tema (Rock ‘n’ Roll, Disco 70/80, Hip – Hop & R’n’B, Trashdance). Allo scoccare di ogni ora una cascata di coriandoli travolgerà i ballerini danzanti catapultandoli in un altro mondo, un altro party a tema.

Capodanno da favola

Il Castello Visconteo. Fonte: www.castellovisconteo.it.

Se invece volete festeggiare un 2019 da favola, una serata in un castello è la scelta giusta. In questo caso sarà necessario lasciare le strade milanesi e dirigersi a Cassano d’Adda, precisamente al Castello Visconteo, una suggestiva fortezza medievale che si affaccia sul fiume Adda. Dame e cavalieri hanno banchettato tra queste mura, tra cui Gian Galeazzo Visconti e Ludovico Il Moro, tra suite e soffitti affrescati, in un’atmosfera d’altri tempi e certamente fuori dall’ordinario.

© riproduzione riservata