Immaginate un’ area di 120 mila metri quadri di parco; aggiungeteci una struttura dall’estensione ancora maggiore; infine, condite il tutto con tre mesi di cultura, musica, proiezioni e arte. È quello che sta succedendo nell’ex sito dell’Ospedale Forlanini, grazie ad un esperimento di eventistica culturale e partecipazione sociale. Situato nell’omonima piazza nel cuore del quartiere Monteverde di Roma, l’ex ospedale si è aperto al pubblico questo giovedì 20 giugno: dopo quattro giorni di inaugurazione, gli eventi continuano in pianta stabile fino alla fine dell’estate, grazie ad un bando pubblico per l’assegnazione delle attività nell’area.

Una parte degli interni dell’ospedale. Foto di Martina Sapienza sotto licenza Creative Commons.

Le diverse realtà che contribuiranno a ravvivare le notti estive sono unite dalla volontà di portare coesione sociale e divertimento, sperando che si riesca a formare un piano di azione compiuto che non consideri solo l’usufrutto momentaneo degli spazi, ma la loro messa a frutto permanente. Un esperimento, dunque, dalla durata di tre mesi e che ci porterà un programma ricco di cultura e intrattenimento: ai concerti si alternano serate di ballo, al video-mapping della costruzione (oramai un must dell’eventistica, anche grazie alla particolarità degli edifici che la Capitale ha a disposizione) le proiezioni gratuite. A gestire parte dell’eventistica, poi, è Studio Volante, che già negli spazi dell’ex Dogana ha organizzato performance artistiche e spettacoli nel passato.

Un esempio di video mapping, spettacolo che verrà replicato nell’area del Forlanini. Foto di Jeeoui Perez sotto licenza Creative Commons

Il progetto non è nato ieri: chiuso nel 2015 e versante in uno stato di relativo abbandono, il complesso dell’ex ospedale Carlo Forlanini era stato già reso fruibile alla popolazione, almeno durante l’estate: la Regione Lazio, assieme alla Fondazione Cinema per Roma, aveva organizzato proiezioni nell’“Arena Forlanini” a partire dalla prima estate disponibile. Il tutto per scongiurare il rischio che l’intera area venisse abbandonata al degrado, o finisse oggetto di speculazioni individuali lontane dai bisogni della cittadinanza. L’idea ha funzionato in parte, e il Forlanini ha dovuto (e ancora deve) convivere con situazioni di marginalità sociale. Nonostante il progetto di riconvertire l’ospedale in una Caserma dei Carabinieri risalga al 2015, l’area stenta ancora ad affrontare una seria riqualificazione; finalmente, nel 2018 è stato approvato un atto di indirizzo per la valorizzazione del Complesso, e la trasformazione attuale del sito per l’intero periodo estivo sembra promettere bene perché si consideri un cambiamento di passo concreto. Sembra anche che la riconversione del sito in Caserma possa finalmente prendere atto negli stessi mesi.

Nel frattempo, possiamo goderci l’estate e gli eventi che ci aspettano ogni giorno a partire dalle 18: il Forlanini diventa di nuovo un luogo per tutti.

Qui per restare sempre aggiornati sugli eventi previsti e sul programma.

 

Fonte immagine di copertina: pagina Facebook Ex Forlanini
© riproduzione riservata