“Bimbi e bimbe di ogni età”, pensare che la festa di Halloween sia una delle ennesime importazioni dagli USA, dopo la Coca Cola e l’outfit rosso di Babbo Natale, è davvero un errore da principianti. La terribile e spaventosa notte che precede la più religiosa festività dei Santi, è nata nel Vecchio Continente, più nello specifico, nelle terre irlandesi, in cui si vive ogni giorno a pane, Guinness e leggende. Tutto parte dal Samhain, il capodanno celtico: i Celti erano prevalentemente un popolo di pastori, i cui ritmi di vita erano, dunque, scanditi dai tempi che l’allevamento del bestiame imponeva. Per loro, infatti, l’anno nuovo non cominciava il 1° gennaio come per noi oggi, bensì il 1° novembre, quando terminava ufficialmente la stagione calda ed iniziava quella delle tenebre e del freddo.

I Celti credevano che alla vigilia di ogni nuovo anno, cioè il 31 ottobre, Samhain chiamasse a sé tutti gli spiriti dei morti, che vivevano in una landa di eterna giovinezza e felicità chiamata Tir nan Oge, e che le forze degli spiriti potessero unirsi al mondo dei viventi, provocando in questo modo il dissolvimento temporaneo delle leggi del tempo e dello spazio e facendo sì che l’aldilà si fondesse con il mondo dei vivi. Samhain era, dunque, una celebrazione che univa la paura della morte e degli spiriti all’allegria dei festeggiamenti per la fine del vecchio anno. Il nome Halloween (in gaelico Hallow E’en), deriva dalla forma contratta di All Hallows’ Eve, dove Hallow è la parola arcaica inglese che significa Santo: la vigilia di tutti i Santi. Dall’Irlanda, la tradizione è stata poi esportata negli Stati Uniti dagli emigranti, che, spinti dalla terribile carestia dell’800, si diressero numerosi nella nuova terra.

Passano i secoli, le mode, le sensibilità, e i costumi si adeguano; la festa di Halloween perde le sue accezioni spirituali per assumere le sembianze di un party con bicchieri rossi, musica e costumi decisamente poco spaventosi, un’occasione, insomma, per duplicare il lontano significato del carnevale. Le proposte della movida sono molte e stereotipate ma trovare un’alternativa creativa per una serata davvero diversa e in linea con un mood spettrale è possibile. A Milano, come in tutte le grandi città dall’anima internazionale, ce n’è un po’ per tutti i gusti: per chi preferisce darsi alla creatività imparando qualcosa sulle leggende asiatiche, per chi comunque non vuole rinunciare a una serata in musica ma con un tocco “Timburtiano” che fa sempre atmosfera, chi al brivido horror proprio non riesce a dire “no!” affrontando il buio dei boschi o gli spettri della città meneghina, e chi, in compagnia dei più piccoli, vuole dedicarsi alle atmosfere bucoliche autunnali, fuori dalla città. Questo e molto altro per una notte da ricordare, in cui leggenda celtica e divertimento vadano paurosamente d’accordo.

 In compagnia degli Oni al MUDEC

Manifesto dell’evento. Fonte: mudec.it

In occasione della festa di Halloween le porte del MUDEC, il Museo delle Culture, invita grandi e piccini a incontrare la cultura e le credenze giapponesi, avendo la possibilità di conoscere gli Oni,  potrà realizzare la propria spaventosa maschera da OnI, i guardiani dell’inferno. Gli Oni, nella cultura popolare giapponese, vengono raffigurati con occhi supplementari o più piedi o dita delle mani, e indossano pelli di tigre tenendo in mano una clave. Il loro volto incute grande timore e per questo viene posto all’entrata della casa per spaventare i cattivi presagi e gli spiriti malauguranti. I partecipanti creeranno delle maschere con la loro effige avendo a disposizione diversi materiali per poi indossarla e recitare la formula magica per allontanare la sfortuna, sorseggiando dei tè giapponesi.

Maggiori informazioni QUI: https://www.mudec.it/ita/eventi-3/

“Murders on the Dancefloor” a BASE Milano

The Spleen Orchestra. Fonte: mymi.it

Gli spazi post-industriali dell’hub creativo di BASE Milano si trasformeranno in un ampio dance floor su cui scatenarsi senza paura sfoggiando un costume o no. Il party di Halloween “Murders on the Dancefloor”, con il dj set con musica a 360°, ospiterà il concerto di The Spleen Orchestra, che propone il suo show ispirato al mondo spigoloso e cupo di Tim Burton, il regista forse più amato in giorno del 31 ottobre. Che vi sentiate Edward Mani di Forbice, Sally o la sposa cadavere, l’importante sarà ovviamente esserci.

Maggiori informazioni QUI: https://base.milano.it/events/halloween-a-base_murders-on-the-dancefloor/

“Escape Wood Halloween”

Fonte: midnightfactory.it

Se è l’horror il vostro genere cinematografico preferito, un “Escape Wood Halloween” è la proposta che fa per voi! E cosa c’è di più spaventoso di una fuga in un bosco di notte? Il Bosco Eremo Locatelli si trasformerà in un vero e proprio set da incubo, in cui varranno tutte le leggi del gioco che sta spopolando tra giovani e adulti.

Maggiori informazioni QUI: https://www.corsicorsari.it/catalogo-corsi-di-gruppo/tempo-libero/escape-wood-halloween

I fantasmi di Milano

Il Castello Sforzesco. Fonte: milanocittàstato.it

Non è una novità che Milano abbia un castello, quello Sforzesco, le cui mura affacciano sugli alberi di Parco Sempione. E come ogni bastione che si rispetti, anch’esso ha i suoi spettri tormentati e colmi di malinconia per una morte prematura o violenta. Neiade propone un tour a caccia di fantasmi alla scoperta del lato più noir e misterioso della città. La notte di Halloween si attraversa il parco dove si ha la possibilità di incontrare la Dama Velata vestita di nero, portatrice di lugubri presagi e maledizioni. Al suo passaggio si avverte un dolce profumo di violette e un intenso freddo entra nelle ossa; i suoi passi sono silenziosi e impercettibili, compare e scompare come un’affascinante ombra.  Il Castello Sforzesco libera i suoi celebri inquilini, tra cui Ludovico il Moro, che fugge tenendo tra le mani il suo tesoro, Beatrice d’Este, morta dissanguata dopo aver dato alla luce suo figlio le cui urla riecheggiano ancor, e Bona di Savoia, il cui lamento attraversa le spesse mura. Tra i portici corre una donna che cerca di procurarsi il veleno per uccidere gli Sforza: chi sarà?

Maggiori informazioni QUI: https://www.neiade.com/dama-velata-fantasmi-milano

Festa dei fuochi d’autunno alla Cascina Cuccagna 

locandina dell’evento. Fonte: cuccagna.org

La festa di Halloween bussa prima alla porta della Cascina Cuccagna con una ricca proposta di laboratori e attività per i bambini e gli adulti più creativi. Domenica 27 ottobre, dalle 15 si infiamma la Festa dei fuochi d’autunno, passando dal racconto delle origini della notte di Halloween e della tradizione di fare lanterne con le zucche, narrando la leggenda del temibile Jack O’ Lantern. Dopo la teoria, mano alle zucche per intagliare la propria lampada di Jack e dare sfogo alla fantasia. Ma il genio creativo mette un certo appetito e non può mancare una merenda a base dei prodotti della Cascina mentre, nel buio del crepuscolo, si può godere della luce e dei volti delle zucche.

Maggiori informazioni QUI: https://www.cuccagna.org/eventi/hallowen-in-cascina-festa-dei-fuochi-dautunno/

Mani in pasta Knam Experience Cooking Class, speciale Halloween

Biscotti di Halloween. Fonte: lacucinaitaliana.it

Non è una degna festa di Halloween senza del cibo a tema; che siano caramelle, biscotti a forma di fantasmino o di zucca, le ghiottonerie sono necessarie per un “dolcetto o scherzetto” convincente. Knam Experience Cooking Class vuole creare dei piccoli pasticceri in grado di creare prelibatezze dal gusto spaventosamente buono. Saranno avvantaggiati i bambini in costume che si presenteranno in via Anfossi 10 ricevendo il palloncino stregato Knam.

Maggiori informazioni QUI:

http://www.eknam.com/master_page.php?pagina=Knam_Experience_Cooking_Class.php&lingua=it&class=ek

Planetario di Milano

Fonte: lofficina.eu

Il cielo stellato del Planetario cambierà aspetto nella notte di Halloween popolandosi di pianeti infernali, streghe e fantasmi di polveri, gas e stelle diaboliche. ‘Tutte Le Stelle Di Hogwarts” prende l’universo e lo ribalta, introducendo adulti e bambini a un mondo di oscurità e magia, da affrontare con coraggio e tanta curiosità.

In copertina: immagine halloweeniana. Fonte: www.albertomassaiu.it
© riproduzione riservata