Una veduta di Montemonaco (FM), vicino al quale si terrà il concerto di Pacifico
© Nicola Pezzotta

È solo alla terza edizione, ma può vantare un ideatore come Neri Marcorè e un numero collettivo di 230.000 presenze nelle due manifestazioni passate. È il festival RisorgiMarche, “festival di solidarietà per la rinascita delle comunità colpite dal sisma”, che ha come primario obiettivo, oltre alla musica, quello di mettere in mostra e promuovere i bellissimi paesaggi campagnoli e boschivi di una regione spesso ignorata nel turismo tradizionale. Lo staff si è impegnato affinché il festival possa ricoprire un’area quanto più vasta possibile, scegliendo i luoghi per le performance lontano dalle grandi città. Non sarà un arrivo facile, dato che i mezzi a motore non saranno previsti per il raggiungimento dei luoghi preposti per i concerti – rigorosamente, tutti gratuiti. Piuttosto, si arriverà a piedi o in bicicletta. “La crescita di un movimento attraverso il trekking in spazi di grande suggestione e il rispetto per la natura hanno dimostrato che nelle zone del cratere è tuttora possibile vivere esperienze uniche, nonostante le profonde difficoltà legate alla fase della ricostruzione”: queste le parole di Giambattista Tofoni, direttore esecutivo.

La cantante Tosca si esibirà il 18 di questo mese a Piani di Monte Torroncello
© Website ufficiale

Si comincia l’11 luglio con una performance di Nek, per la data di apertura, presso la location di Poggio San Romualdo (frazione di Fabriano, AN), prima dell’inizio de “IL MIO GIOCO PREFERITO – European Tour”, di trenta date. Per Lunedì 15 è fissata una performance misteriosa a Dosso Vallonica, tra Gagliole e San Severino (MC). Giovedì 18 un’esibizione della cantante Tosca, ricercatrice di musiche tradizionali di fama mondiale, non estranea all’ambiente marchigiano. “I miei nonni paterni sono nati rispettivamente a Petritoli e a Ponzano di Fermo. Quando ho l’occasione di tornare da quelle parti è sempre una festa, un richiamo sanguigno”. La sua esibizione si terrà ai Piani di Monte Torroncello, in tre antichissimi e pittoreschi comuni: Camerino, Sefro e Serravalle di Chienti (MC). Domenica 21 è la volta di Pacifico, che promuoverà il suo prossimo album, Bastasse Il Cielo, a Monte Fraitunno – tra Montefortino (FM) e Montemonaco (AP) – con una partecipazione diretta di Neri Marcorè.

Una delle esibizioni più attese sarà senza dubbio quella di Edoardo Bennato il 28 Luglio a Piani di Monte Gemmo, nel crocevia dei confini di Castelraimondo, Esanatoglia, Fiuminata e Pioraco (MC). La serata sarà dedicata a quello che è forse il suo album più famoso, Burattino Senza Fili, che nel 1977 recuperò il racconto di Pinocchio e i suoi celeberrimi personaggi per raccontare e mettere alla berlina la società del suo tempo, tra truffatori, prepotenti, saccenti e un maschilismo persino più forte di adesso. Presenti tutti e otto gli iconici brani, oltre a Mastro Geppetto (aggiunta all’edizione speciale del 2017) e due inediti. Il 30 Luglio sarà la volta di Marco Mengoni, che festeggia proprio quest’anno il decennale della carriera. La sua esibizione si terrà a Fontanelle, tra Sarnano, Bolognola (MC) e Amandola (FM). Un altro concerto a sorpresa il 2 agosto a Spelonga (Arquata del Tronto, AP), mentre il 7 agosto toccherà a Vinicio Capossela chiudere la lineup, portando a Macereto – tra Pieve Torina, Ussita, Valfornace e Visso (MS) – il suo undicesimo album Ballate Per Uomini E Bestie.

Il cantautore Vinicio Capossela si esibirà con le tracce del suo ultimo album, “Ballate Per Uomini E Bestie”.
© Facebook

Ma non solo musica. Questa terza edizione introduce la possibilità di accedere ai borghi a ridosso dell’Appennino. Fortemente danneggiati dai terremoti dell’agosto e ottobre 2016, essi sono rivalutati e ripresentati al pubblico con opportuni eventi a prenotazione. “Torniamo a quel fare comunità che ha sempre contraddistinto il nostro lavoro”, dice sempre Tofoni; “RisorgiMarche non è un mero calendario di concerti e performance artistiche, ma un popolo in movimento: un popolo che cammina in montagna, con consapevolezza, che fa dell’incontro e della conoscenza con le popolazioni colpite dal terremoto una motivazione forte; che attraverso modalità di acquisto che ci piace definire solidali, realizza gesti concreti, tangibili e con ricadute importantissime.”. E Marcorè concorda con lui. “Quest’edizione di RisorgiMarche si arricchisce del preziosissimo contributo di un artista internazionale, a sottolineare il senso di universalità delle radici e appartenenza alle origini”. Un evento curato e accattivante, quindi, e immerso fino in fondo in una cultura raffinata e antichissima. Non manca, dunque, che la partecipazione.

Per maggiori informazioni, potete consultare il sito ufficiale dell’evento: https://risorgimarche.it/

© riproduzione riservata