I quadri più famosi del mondo

Sono innumerevoli i pittori che nel corso della loro carriera hanno realizzato quadri indimenticabili. Vediamo alcuni dei quadri più famosi del mondo.

L’uomo ha iniziato a dipingere oltre 40.000 anni fa. Quando ancora viveva nelle caverne e non aveva sviluppato alla perfezione il linguaggio. In altre parole, la pittura è presente dalla nascita del pensiero simbolico.

Anche con l’avvento dell’era moderna, e l’introduzione della fotografia, del cinema e della tecnologia digitale, la pittura è rimasta un modo persistente di espressione. Nonostante la creazione di tecniche digitali per imprimere sui formati digitali.

È impossibile dire quanti dipinti sono stati realizzati nel corso dei secoli. Solo una percentuale di essi sono possibili da vedere nei musei di tutti il mondo. Molti, tra i più noti al mondo, sono presenti nelle collezioni private di tutto il mondo.

Per chi ha non la possibilità di visitare i tanti musei di New York (il Metropolitan Museum, il Guggenheim, il MoMA ad esempio) o i musei presenti a Parigi, in questo articolo vi mostriamo alcuni dei quadri più famosi e belli realizzati nel corso del secolo.

1: Monna Lisa di Leonardo da Vinci

Monna Lisa di Leonardo da Vinci (fonte: wikipedia.org)
Monna Lisa di Leonardo da Vinci (fonte: wikipedia.org)

Il più famoso quadro di Leonardo da Vinci, la Monna Lisa è stato dipinto tra il 1503 e il 1517. Lo sguardo seducente della donna raffigurata nel quadro ha fatto nascere milioni di quesiti a tutte le persone che lo hanno ammirato.

Gli esperti di arte hanno dato vita a una serie di teorie, sul perché del sorriso della donna raffigurata. Tra le più note ci sono:

  • Che sia la moglie del mercante fiorentino Francesco di Bartolomeo del Giocondo (ergo, il titolo alternativo dell'opera, La Gioconda)?
  • Che sia la madre di Leonardo, Caterina, evocata dai ricordi di Leonardo da ragazzo?

Qualunque sia la ragione che ha portato Leonardo a realizzare quel quadro, l’aspetto calmo e preternaturale di Monna Lisa si adatta al paesaggio idealizzato dietro di lei, che si dissolve in lontananza attraverso l'uso di Leonardo della prospettiva atmosferica.

2: Ragazza con l’orecchino di perla di Johannes Vermeer

Ragazza con l’orecchino di perla di Johannes Vermeer (fonte: wikipedia.org)
Ragazza con l’orecchino di perla di Johannes Vermeer (fonte: wikipedia.org)

La realizzazione del quadro di Johannes Vermeer ha confermato le sue innate capacità nel raffigurare le persone. Il sorprendentemente realismo del ritratto lo fa sembrare una fotografia digitale dei nostri tempi. Alcuni critici, sono dell’idea che Vermeer abbia utilizzato un dispositivo pre-fotografico chiamato camera oscura per la realizzazione del quadro. “Marchingegno” che gli ha permesso di imprimere sulla tela un maggior numero di dettagli e quindi rendere l’opera finale ancora più realistica.

Tecnicamente parlando, Girl non è un ritratto, ma piuttosto un esempio del genere olandese chiamato tronie - un colpo di testa inteso più come still life dei tratti del viso che come un tentativo di catturare una somiglianza.

3: La nascita di Venere di Sandro Botticelli

La nascita di Venere di Sandro Botticelli (fonte: wikipedia.org)
La nascita di Venere di Sandro Botticelli (fonte: wikipedia.org)

Il quadro di Botticelli “La nascita di Venere” è stato il primo nudo integrale non religioso realizzato nell’antichità. Il magnate che ha commissionato il quadro è stato Lorenzo de Medici. La storia racconta che la figura rappresentata nel quadro sia Simonetta Cattaneo Vespucci. Donna che ha fatto innamorare Lorenzo de Medici e suo fratello minore Giuliano.

Il dipinto raffigura Venere che viene portata a riva su una conchiglia gigante dagli dei del vento Zefiro e Aura. Il tutto mentre la personificazione della primavera attende sulla terraferma con un mantello.

4: La notte stellata di Vincent van Gogh

La notte stellata di Vincent van Gogh (fonte: wikipedia.org)
La notte stellata di Vincent van Gogh (fonte: wikipedia.org)

La notte stellata è senza ombra di dubbio il quadro più famoso di Vincente van Gogh. È stato realizzato durante la permanenza del pittore presso il manicomio di Saint-Rémy, dove si è fatto internare per sua volontà nel 1889. In effetti, il dipinto riflette il suo turbolento stato d’animo dell’epoca. I vortici notturni nel cielo si animano e danno vita a sfere pennellate in maniera frenetica. Pennellate, che nascono dallo yin e dallo yang dei suoi demoni personali e dal timore che la natura era in grado di imprimere nel pittore.

5: Il bacio di Gustav Klimt

Il bacio di Gustav Klimt (fonte: wikipedia.org)
Il bacio di Gustav Klimt (fonte: wikipedia.org)

Opulente, dorato e stravagantemente decorato. Il dipinto dal nome “Il bacio” di Klimt è un mix di simbolismo e di Art Nouveau. Nei soggetti presenti si possono vedere figure mitiche rese moderne da colori lussureggianti e dal tocco moderno dell’artista.

L’opera è un punto culminante della fase d’oro dell’artista tra il 1899 e il 1910, quando l’uso della foglia d’oro era una costante nelle opere realizzate da Klimt. Una tecnica ispirata da un viaggio del 1903 alla Basilica di San Vitale a Ravenna, dove vide i famosi mosaici bizantini presenti nella chiesa.

I dipinti presenti in questo elenco sono quelli che riteniamo essere i più belli, ma questa naturalmente è la nostra opinione. Ogni persona, è libera di avere le proprie convinzioni e ritenere più o meno giusti i quadri presenti in questo elenco.