Ciao Manami, sto insieme al il mio ragazzo da diverso tempo ormai, non siamo super freschi ma tanto meno stagionati. Da quando ci siamo messi insieme, mia nonna (da sempre un punto di riferimento per me) ha iniziato a spingermi alla separazione poiché lui non era di suo gradimento. Tutto questo perché non ha origini nobili, non è di famiglia benestante, non ha una laurea in giurisprudenza o medicina. Capisco che mia nonna voglia il meglio per me, ma intromettersi costantemente nella mia vita e contestare ogni singola uscita sta diventando imbarazzante, dopotutto non sono una bambina. Magari lui non avrà tutte le “qualità” necessarie secondo mia nonna, ma ha tanto altro da offrire, come ad esempio la sua dote in pasticceria, il cuore buono e un carattere premuroso. Mentre sto scrivendo quest’email mi sembra di raccontare una storia del Medioevo. Voglio davvero bene a mia nonna, ma non so più in che lingua dirle che ciò che lei considera qualità non sono altro che requisiti di un candidato a nozze forzate del 1800. Il mio ragazzo soffre un po’ per questa situazione, ma ha capito che il nostro amore conta più dell’opinione di mia nonna. Attendo un tuo suggerimento al riguardo. Grazie mille!

Cara Anonima, mi dispiace per questa sconveniente situazione. Purtroppo quando si parla di persone anziane (non tutte, certo) che hanno ricevuto un certo tipo di educazione, diventa difficile fargli cambiare idea. Ovviamente come avrai capito, trattandosi di tua nonna le sue pressioni sono viste come gesti premurosi da parte sua e per niente invadenti. A volte l’educazione severa ci aiuta a formare un carattere invincibile, tant'è che se non fosse stato per suo padre, Michael Jackson molto probabilmente non sarebbe diventato il re indiscusso del Pop. Il piccolo Michael iniziò la carriera da cantante/ballerino all'età di cinque anni insieme ai suoi fratelli maggiori, il gruppo si presentava con il nome di Jacksons 5. Michael ha sempre lavorato, finendo molti spettacoli a tarda notte e questo poiché era costretto dal padre. In un’intervista parla di suo padre come una persona autoritaria, severa e molto rigida, che a volte per fargli eseguire le coreografie a perfezione usava la cinta. Nonostante un’infanzia praticamente inesistente ed un’adolescenza difficile, il re del pop non abbandonò mai suo padre anzi lo perdonò. Ti suggerisco di perdonare l’accaduto e ricominciare da capo. Falle vedere quanto vi volete bene, coinvolgetela nella vostra vita. Con ciò non intendo dire di fare ogni singola attività insieme ma di renderla partecipe dei vostri piani futuri e non. Perché in fin dei conti, secondo me, non è tanto il fatto che a lei non vada a genio il tuo fidanzato quanto la paura di perdere sua nipote. Spero di esserti stata d’aiuto. Un abbraccio, Manami

Questa è una delle poche volte che mi trovo a scrivere ad una rubrica d’amore. Ho tanti anni di esperienza sulle spalle, di conseguenza dovrei capire qualcosa del mondo femminile eppure… ancora non vi capisco. Siete complicate. Ti racconto l’ultima uscita con una ragazza di 26 anni (per la precisione, io ne ho 33). Dovevamo andare al cinema (idea sua), e dopo il cinema in programma c’era di farsi una passeggiata e conoscerci, insomma nulla di spettacolare, direi abbastanza classico. Una volta che il film (scelto da lei) è terminato, ci siamo incamminati verso il centro. Mentre passeggiavamo, lei commentava il film e di quanto questo fosse pessimo, all’improvviso mi lancia una frecciatina: “potevi anche dire che non ti piaceva, così avremmo visto qualcosa di decente”, io non sapevo se era seria o meno. Replico spiegandole che non sapevo fosse così orribile e avendomelo proposto lei mi sono fidato. Lei che fa? Inizia ad urlare dicendo che è colpa mia, che non sono un uomo perché non faccio valere le mie opinioni e che tutto questo era una scusa per dire a LEI che non mi piacesse. Con tutto questo materiale direi che posso realizzare un film, lo intitolerò “L'assalto di una bipolare”. Ora, dimmi tu se si tratta di un caso oppure tutte voi siete un po’ pazze. Cioè chi più e chi meno, però lo siete. Ammetto che in questi anni di esperienza mi sono capitati episodi simili. Ciao Manami!

Caro Anonimo, ti sei mai chiesto se le persone che sceglievi erano veramente “valide”? Dire voi donne siete tutte pazze è scorretto, perché lo sono anche gli uomini. In parole povere, tutti abbiamo i nostri pregi e difetti, c’è chi oltre a questi ha anche le stranezze o semplicemente più difetti. Mi dispiace che ti siano capitate esperienze negative, ma non posso neanche compatirti poiché le hai scelte tu. Bisognerebbe ragionare sul “perché” di quelle scelte. Cosa ti attraeva di quelle ragazze? Cosa ti ha fatto scattare il “voglio conoscerla”? Sicuramente il genere femminile avrà dei tratti caratteristici che lo rendono “complicato” agli occhi maschili, ma non è poi un mondo così lontano. Il segreto è imparare a cercare bene. Dunque selezionare e cosa più importante riconoscere quando una persona è compatibile con noi. Detto questo, ti auguro di trovare una personalità meno disturbata. Un abbraccio, Manami

Ciao Manami, Come posso conquistare un ragazzo che mi evita? C'è un ragazzo che mi piace a scuola, ma sembra che non gli interessi. Sta sempre con la sua “migliore” amica, voglio dire... ma come fai a snobbarmi? Sono la più popolare della scuola, e questa popolarità è sinonimo di bellezza e poi sono un sacco buona. Ma dico io, dove la trovi una così? Ho fatto tutto quello che dovevo fare; gli ho scritto su tutti i social, gli ho mandato foto un po’ provocanti, ho persino detto che mi piace, ma lui ancora non mi rivolge le attenzioni che mi spettano. Non ci penso proprio a rassegnarmi! Lo voglio? Lo ottengo.

Cara Anonima, credo fermamente che dovresti lasciar perdere. Mi dispiace dover sfatare qualche mito, ma ne sento proprio l’esigenza. Primo punto, voler conquistare una persona perché si provano dei sentimenti profondi e sinceri, e se questa ricambia, va bene. Costringere qualcuno ad amarci solo per un nostro capriccio, o meglio, per il desiderio di aggiungerlo alla nostra collezione, è sbagliato. Sopratutto perché la persona in questione non è interessata a te. Secondo punto, il tuo valore di bellezza non dovrebbe basarsi sulla popolarità bensì sul carattere e sulla bontà d’animo. Prova ad interessarti ad altro, dai più importanza alla tua istruzione, lo so che è banale da dire, ma ne vale la pena. Devi arricchirti, non spegnerti inseguendo ideali sbagliati, in questo caso persone che non ti desiderano o valori vuoti e superficiali. Un abbraccio, Manami