Vado avanti con un sorriso finto sulle labbra per i miei due figli sistemati economicamente e sentimentalmente e due nipotini. L'amore per mio marito è scomparso da un pezzo, la stima e il rispetto stanno per andarsene. Separati in casa, senza il coraggio di dirlo ai figli. Ognuno segue la sua strada. Silenzi, noia e ultimamente parole grosse e qualche sventolone da parte di mio marito. Ho l'imbarazzo di vivere con un estraneo con il dubbio che non mi abbia mai amato come l'ho amato io. Per amore del quieto vivere ho sopportato, forse capita a tutti, mi ripetevo, forse è colpa mia, forse tutto si risolverà, se non se ne parla. Invece no! Ultimamente non ci sopportiamo più. Che fare, dirlo ai figli? Direbbero, "alla vostra età?". È per loro che tengo in piedi una vita che mi sta molto stretta. Ma intanto la vita passa veloce, i malanni aumentano e nessuno potrà darmi indietro questi ultimi anni di incomprensione e sofferenza. E pensare che sognavo una vita da pensionata assieme a lui. Maria

È difficile accettare che l’amore che tanto desideravi e ammiravi in passato, ormai non faccia più parte del tuo presente. Sicuramente sei una donna in gamba ed intelligente, forse troppo inconsapevole per dare priorità a chi dopotutto conta davvero, tu. Imponiti, parla con l’uomo che ti ha fatto scoprire (probabilmente) piccole gioie ed insormontabili sofferenze. I figli, ormai indipendenti, se ti amano come ti hanno amato fino ad oggi, capiranno. A primo impatto tutto è difficile, sicuramente non comodo, ma fattibile. Scegliere non è semplice. Non lo è mai stato, non lo è stato alle elementari quando dovevi scegliere il tuo primo diario, non lo è stato quando dovevi scegliere se confessare il tuo amore alla prima cotta, e non lo è stato anche al fatidico “sì”. Se anche decideste di lasciarvi fatelo nel modo più pacifico possibile: servare rancore non vi farà stare meglio e comunque non servirà a risolvere i problemi. La priorità dev'essere sempre star bene con se stessi. Rinascere richiederà tempo, ma ti sentirai pura come quando hai riso così forte da sentirti in pace con il mondo, in armonia con te stessa. Vivi al massimo delle tue capacità proprio come ha fatto Frida Kahlo che, nonostante ciò, ha avuto modo di osservare e percepire tutti i colori del dolore. Innamorata della tela, ma ancor di più del “suo” Diego Rivera. La loro era una storia travagliata, piena di dispute ed amore per la vita. Si vivevano fino a consumarsi, per poi lasciarsi, e di nuovo riprendersi, diversi, più consapevoli dello scorrere del tempo e meno disposti a sperperarlo inutilmente. Amavano la vita nonostante i tradimenti di lui e gli atteggiamenti provocatori di lei. Non hai idea di ciò che il futuro ha in serbo per te, e soprattutto di quando tutto ciò finirà. Semplicemente vivi. Mi auguro che tu riesca a prendere una posizione e rompere il muro d’indifferenza che c’è tra te e tuo marito, e soprattutto che tu riesca a capire che non avere il vostro lieto fine non sminuirà il valore di tutto ciò che avete vissuto. Ti dedico questa poesia. "Ti meriti un amore Ti meriti un amore che ti voglia spettinata, con tutto e le ragioni che ti fanno alzare in fretta, con tutto e i demoni che non ti lasciano dormire.Ti meriti un amore che ti faccia sentire sicura, in grado di mangiarsi il mondo quando cammina accanto a te, che senta che i tuoi abbracci sono perfetti per la sua pelle. Ti meriti un amore che voglia ballare con te, che trovi il paradiso ogni volta che guarda nei tuoi occhi, che non si annoi mai di leggere le tue espressioni. Ti meriti un amore che ti ascolti quando canti, che ti appoggi quando fai la ridicola, che rispetti il tuo essere libera, che ti accompagni nel tuo volo, che non abbia paura di cadere. Ti meriti un amore che ti spazzi via le bugie che ti porti il sogno, il caffè e la poesia.” Frida Kahlo

Ciao M, Ti scrivo principalmente perché ho bisogno di sfogarmi. Mi chiamo Alice e sono una studentessa universitaria, abito a Torino e mi impegno in tutto quello che faccio. Tengo molto alla mia carriera scolastica e ho poche, ma buone e care amiche. Una di queste ultime, E., è fidanzata con un simpatico e bel ragazzo di Milano. Spesso usciamo anche solo noi tre, lo conosco meglio e ad una naturale attrazione fisica, si aggiunge una forte simpatia, che a breve è diventato un vero e proprio sentimento! Ci scriviamo messaggi su whatsapp... simpatici, affettuosi... ed io viaggio con la fantasia... Ma cosa sto anche solo pensando? E con il fidanzato di una delle mie migliori amiche.... Cara M, cosa devo fare? Non voglio tradire E.... ma il mio cuore va per la sua strada e, tra l'altro, ho paura che sia solo una mia fantasia, non corrisposta. Sono tanto confusa. Grazie per la tua risposta, Alice

Cara Alice, la situazione non è una delle migliori, ma credo che in cuor tuo, sappia benissimo cosa fare. Dal punto di vista etico e morale, ciò che si sta creando tra te ed il fidanzato della tua migliore amica, è parzialmente (se non totalmente) sbagliato. Ti suggerisco di mettere i tuoi pensieri nero su bianco e fare chiarezza parlandone con la tua amica. È dura affrontare un problema che ci sconvolge sia emotivamente che mentalmente, di conseguenza diventa dura prendere decisioni a mente lucida. Sii onesta con lei. Confrontandovi scoprirai se è la tua immaginazione a creare mondi paralleli o fatti reali. C’è anche la possibilità che il fidanzato di E. non stia bene nella sua relazione ed è sinceramente interessato a te, oppure si rivelerà uno "sciupa femmine”, quindi poco serio e irrispettoso sia nei tuoi che nei suoi confronti. Tutto ciò però non lo scoprirai finché non avrai un confronto con E. (ed il suo fidanzato). Non farti spaventare dal pensiero di poter perdere la tua amica o lui, non posso garantire che dopo il confronto rimanete tutti buoni amici, potresti perderli entrambi o rimanere amica solo di E. (o viceversa), ma incondizionatamente da come andrà, sii fedele a te stessa e non tradire i tuoi valori e principi. C’est la vie. Aspetto le tue notizie! Un abbraccio, Manami

Mi chiamo Monica, ho 24 anni ed esco da una relazione durata tre anni, seppur con alti e bassi! Sto cercando di incontrare e frequentare altri ragazzi.... ma credo di essere io il problema. Sono una ragazza piacente e curata ma molto molto timida. Questo mio aspetto del carattere spesso viene frainteso dai ragazzi, che invece mi vedono come altezzosa e piena di sé. Mi cercano, mi frequentano, poi, come mi conoscono meglio, si bloccano e non vanno avanti . Insomma mi frequentano, ma fino ad un certo punto, poi svaniscono nel nulla. Ho capito che devo cambiare il mio modo di pormi. Ho avuto solo una relazione “seria” nella mia vita e non ho tanti termini di paragone ma sicuramente tanti pregiudizi che mi limitano. In che modo posso migliorare? Saluti, Monica

Ciao Monica, innanzitutto ti suggerirei di non avere pregiudizi, perché come hai detto anche tu, limitano. Le scelte di quei ragazzi, che ti hanno frequentato, cercato e poi sono svaniti nel nulla, sono scelte di cui sei responsabile tanto quanto loro. Quello che sto cercando di dirti è che non sei un peluche che si vince dopo aver pescate più cigni-giocattolo possibili, ma un essere umano (in questo caso donna) capace di intendere e volere. Quei ragazzi gli hai scelti anche tu. Nel mentre, fai tesoro della tua relazione ed impara dagli sbagli commessi. Quindi più che cambiare atteggiamento, cambia il tipo di ragazzo. “Come?” Mi chiederai. Scegliendo di rinunciare al classico prototipo di uomo che segue solo ed esclusivamente “casa-lavoro-palestra” ed optare per persone con passioni diverse, esperienze di vita o semplicemente gusti alimentari differenti dai tuoi. È scoprendo e provando cose nuove che capirai quale fa per te. Per cui, non rinunciare a nulla di te, anzi mettiti in gioco e sii schietta fin dalle prime uscite su come sei senza esagerare! Tienimi aggiornata! Un abbraccio, Manami