Il primo giorno di Milano Fashion Week, Francesca Liberatore ha coinvolto i suoi invitati e il pubblico presente con una sfilata irrituale immaginata da una nuova prospettiva di apertura ed inclusività. La giovane stilista e designer romana ha scelto come palcoscenico del suo show l’elegante piscina, nel suggestivo scenario del giardino dei Bagni Misteriosi in zona Porta Romana, adiacente al Teatro Franco Parenti. I Bagni Misteriosi hanno una bellezza magica e sofisticata quasi come un incontro fra passato e modernità, lo specchio della Milano in continuo movimento che ogni giorno ispirano la stilista.

Francesca Liberatore SS20, 4

Bagni Misteriosi di Milano-Photo Credit: Teatro Franco Parenti

Un luogo che Francesca Liberatore ha voluto accessibile, durante lo show, al pubblico di bagnanti della piscina e agli abbonati del Teatro Franco Parenti. Una filosofia che non vuole blindare un luogo di fruizione quotidiana ma desidera far sognare tutti e rendere lo show aperto ad un mercato reale, composto da giovani, fashionisti, sportivi come ha rivelato la stessa stilista:

“Dopo dieci anni di percorso, volevo arricchire quello che è il mio messaggio con dinamiche totalmente nuove che potessero coinvolgere chiunque desideri vederle: la creatività è sconvolgimento…rendere reali, attraverso l’espediente estetico, quelle che sono nuove prospettive”.

Francesca Liberatore: la collezione primavera-estate 2020

Lo show di Francesca Liberatore è una sorprendente novità per gli addetti ai lavori delle passerelle milanesi. Una sorta di collezione aperta e contaminata da altri settori e da altri mondi come da Arena, dalla Federazione Italiana Nuoto, dalla Nazionale Italiana di Nuoto Sincronizzato e da DHL partner della Fashion Week.

Una giornata calda di fine estate, gli spettatori inaspettatamente rilassati e a piedi nudi (come richiesto all’ingresso) fa da cornice alla magia reale della Liberatore.  Una passerella non convenzionale e sospesa sull’acqua accoglie l’emozionante ingresso delle sincronette. Dodici sincronette  si presentano indossando la linea Arena One. Una capsule collection che la stilista ha creato con disegni complessi e affascinanti su un costume innovativo realizzato con un unico pezzo di tessuto.

Francesca Liberatore SS20, 6

Sincronette con costumi FL x Arena- Photo Credit: Press Office

In acqua la fantastica esibizione di nuoto sincronizzato ha inizio e contestualmente a bordo vasca inizia l’attesa sfilata delle modelle. L’acqua è il mood della sfilata. I capi della collezione primavera-estate 2020 propongono stampe di fantastici animali marini. Gli animali si trasformano, si compongono e si rigenerano attraverso l’acqua.

Francesca Liberatore SS20,7

Sfilata Francesca Liberatore-Photo Credit: Press Office

Una collezione aperta per una donna dinamica e dalla forte personalità, in evoluzione e in continua metamorfosi con sé stessa. E come ha affermato, Giovanni Campaglia, direttore marketing Arena:

“Questa evoluzione ci è sembrata molto interessante e in linea con quello che viviamo quotidianamente nelle trasformazioni acquatiche dei nostri campioni che in piscina e in mare esprimono tecnica, perfezione del gesto atletico e bellezza, diventando un tutt’uno con l’elemento acqua”.

Una moda quella di Francesca Liberatore che si rigenera in tutti i suoi aspetti e che guarda al futuro. Una collezione spettacolare e innovativa che si sovrappone ai valori classici del brand come le splendide fantasie. Disegni e silhouette richiamano l’acqua, la flora e la fauna marina e sono tutti i piena sintonia con il mondo acquatico. Alcune modelle sfilano in libertà e a piedi nudi in sintonia con il pubblico, altre tengono in mano o indossano ciabattine Arena. Niente calzature complesse o accessori. Solo abiti e tuniche ricamati e stampati  e morbidi pantaloni larghi, fluidi e svolazzanti.

Capi ampi e dalle forme leggere dunque! E la palette dei colori? Quelli del mare e quelli della bandiera italiana, ça va sans dire!

Al termine della sfilata a bordo vasca ecco l’esibizione della stellina del nuoto sincronizzato, Linda Cerruti, con un costume speciale totalmente brandizzato dai colori DHL, gli iconici e immancabili  rosso e giallo. Chiude l’emozionante show l’inno nazionale in onore della Nazionale Italiana di Nuoto Sincronizzato, vice campione del mondo.

Una sfilata decisamente suggestiva, un capolavoro di arte creativa che rende reali i sogni di Francesca Liberatore e di tutti quelli che indossano le sue creazioni e si innamorano della sua reale magia.

 

Photo Credit immagine di copertina: Press Office Francesca Liberatore

 

 

© riproduzione riservata