Giovedì 7 luglio Artwave era presente alla cerimonia d’apertura e di presentazione degli Italian Gaymes 2016 (di cui vi avevamo già parlato qui), organizzata e presentata da GAYCS, Dipartimento LGBT di AICS, in collaborazione con IMPERO, presso il Gay Village, a Roma.

La serata è stata aperta dal presidente di GAYCS, Adriano Bartolucci Proietti, assistito dalla speaker di IMPERO, Jessica Pazienza, e affiancato dai due sbandieratori, Filippo Onori e Sergio Donato, che portavano le bandiere con il logo ufficiale degli Italian Gaymes.

FullSizeRender-10 copia FullSizeRender-8 copiaFullSizeRender-4 copia

 

Dopo aver dichiarato aperti i giochi e aver illustrato brevemente gli eventi sportivi previsti dal calendario degli Italian Gaymes, Adriano e Jessica hanno presentato gli artisti che si sono esibiti durante il resto della serata. La prima della lista è stata la performer italiana Melissa Bianchini, che si è esibita con un tributo alla famosa cantante latino-americana Beyoncé Knowles.

FullSizeRender-11 copia FullSizeRender-3 copia FullSizeRender-14 copia

 

A seguire la coppia di ballerini che si è esibita sulle note del travolgente ritmo dei balli latino-americani.

FullSizeRender-7 copia FullSizeRender-9 copia FullSizeRender-5 copia

 

A seguire l’emozionante esibizione di Giosuè Ficarella, direttore artistico di GAYCS, che ha cantato su base la meravigliosa You raise me up, facendo emozionare tutto il pubblico presente, noi compresi.

FullSizeRender-1 copia FullSizeRender copia

 

E, per concludere, Adriano e Jessica hanno presentato il variegato gruppo di “Tango queer“, formato da ventisei elementi, che ha danzato, prima a coppie e poi in gruppo, sulle passionali note del tango.

FullSizeRender-2 copia FullSizeRender-6 copia

 

Per finire Vladimir Luxuria, Direttrice Artistica del Gay Village, ha raggiunto sul palco i due presentatori della serata, per sottolineare l’importanza degli Italian Gaymes, come evento sportivo in grado di unire tutti quanti, a prescindere dalle differenze di sesso, genere e orientamento sessuale, e per ribadire l’importanza di iniziative come questa, che hanno come fine ultimo la lotta alla discriminazione e agli atti di omofobia, di cui, purtroppo il nostro Paese è ancora oggi vittima e carnefice.

FullSizeRender-12 copia

 

© riproduzione riservata