L’Italia, lo sappiamo tutti, è una fonte inesauribile d’ispirazione per qualsiasi forma artistica: dalla moda, passando per l’architettura, al design, gli innumerevoli volti della civiltà e della cultura italiana offrono diverse interpretazioni dello stesso soggetto.

Entrando più nello specifico, esattamente nel campo della moda, e più in particolare nell’atelier di due stilisti che hanno nelle loro vene l’essenza dell’Italia come forza creativa, vi parliamo di  Dolce&Gabbana. Non è la prima volta che assistiamo ad un omaggio appassionato all’Italia  da parte di  Stefano e Domenico. Il DNA del marchio è costituito, infatti, dall’essenza italiana, questo è chiaro a chiunque si intenda un minimo di moda.

Attraverso tutte le regioni italiane, da Nord a Sud, ogni piccolo dettaglio è già  stato studiato e rielaborato con cura e con originalità dai due stilisti. E nell’ultima sfilata che si è svolta la scorsa domenica 25 settembre, abbiamo potuto rivivere attraverso le loro creazioni l’Italia dei loro sogni. La collezione intitolata Tropico Italiano è stato un inno alla Sicilia e alla Campania, che furono i punti di riferimento per la creazione di un immaginario italiano, dove le icone tradizionalmente associate all’Italia, come la pasta, la pizza e il pane, si mescolano a un’atmosfera da vacanza, scandita da stampe raffiguranti cocktail, gelati e paillettes.

dolce-and-gabbana-summer-2017-women-fashion-show-runway-62-680x1020

High e Low Fashion

High e Low Fashion

È appena finita la Milano Fashion Week SS/17 e abbiamo visto per la quinta (o forse sesta) stagione di seguito ripetersi gli stessi elementi compositivi nelle sfilate di questo marchio. I due apportano alla catwalk elementi figurativi della cultura italiana, e questa volta, mescolando anche l’high e low fashion (una novità per la marca, che è nota per l’estremo lusso dei suoi abiti), hanno raggiunto un livello di creatività ineguagliabile. Basti ricordare il momento della sfilata in cui le modelle hanno  fatto la loro apparizione sulla passerella, indossando vestiti realizzati come se fossero imballaggi della salsa di pomodoro oppure con immagini di pizza e pasta utilizzate come stampe. Adesso sono la cultura e lo stile di vita che importano. Non più l’abito come prodotto, ma, piuttosto, l’abito come forma di racconto o di rievocazione di un ricordo.

Dettagli dei accessori.

Dettagli degli accessori

La pizza come ispirazione.

La pizza come ispirazione

L’idea non è più un abito, bensì raccontare la nostra storia, un’emozione, uno stile di vita. Non si acquista più un capo di abbigliamento, ma un ricordo, un amore, un momento speciale, un DNA. Il nostro è il Sud e tutti i simboli che lo rappresentano: fiori, pasta, pane, portafortuna, conchiglie, pesci, simboli religiosi, musica, gelati, drinks, bambole, biscotti, forchette, cucchiai, pizza e mandolino.

Gli elementi figurativi della sfilata.

Gli elementi figurativi della sfilata

La pasta come stampa.

La pasta come stampa

In unione agli elementi già citati, un dettaglio ha attirato particolarmente l’attenzione in questo ultimo show: le scarpe e le borse che brillavano grazie alla luce al Led: un guizzo di modernità all’interno della tradizione, che, però, può esser anche letto come un riferimento alle insegne dei locali tipici italiani. In questo modo si evince che i due, anche quando adottano uno stile moderno, non hanno intenzione di allontanarsi dalle radici della cultura tradizionale italiana.

Antica Trattoria, una mescola di tradizione e modernità.

Antica Trattoria, una mix di tradizione e modernità

Gli accessori.

Gli accessori

Le scarpe luminose.

Le scarpe luminose

Oltre a questi dettagli che hanno rivitalizzato un po’ le sfilate della marca, tutti gli abiti che hanno sfilato, dal tubino nero, i vestiti con le stampe a fiore e di Madonne, agli accessori per i capelli e le corone di fiori, sono stati già stati presentati da diverse prospettive nelle sfilate degli ultimi due/tre anni.

La stampa con le Madonne.

L’abito con le Madonne e dettagli religiosi

Il tubino nero.

Il tubino nero

Nonostante l’insistenza del tema e la  ripetizione (quasi ridondante) di tanti elementi che compongono le collezioni, non crediamo che esista un’altra marca che valorizzi con tanta passione e tanto orgoglio la sua propria cultura e il suo Paese. E loro, lo sappiamo bene, sono orgogliosi di esser italiani.

©Photos: FFW Fashion Forward, FotoSite.

© riproduzione riservata