Martedì 21 novembre 2017 la bellezza del Made in Italy potrà essere ammirata all’Ambasciata d’Italia a Bruxelles in occasione dell’evento “Sacred Basilicata”, realizzato in collaborazione con la Regione Basilicata, il Gruppo di Azione Locale “La cittadella del sapere” e l’Apt-Regione Basilicata.

A portare la moda italiana in passerella sarà lo stilista lucano Michele Miglionico, il quale, usando un linguaggio fatto di stoffe e colori, ha tradotto in abiti il profondo amore che lo lega alla sua terra.

Michele Miglionico

Michele Miglionico

Non è la prima volta che lo stilista si reca in Belgio: nel 2003 fece il suo debutto nella capitale belga in occasione del semestre di presidenza italiana dell’Unione Europea, affiancando per l’occasione stilisti del calibro di Valentino, Riva e Fausto Sarli.

Dopo 14 anni Miglionico torna a Bruxelles per presentare una collezione che mette in mostra non solo l’orgoglio lucano, ma anche il senso del sacro, così profondamente radicato in questa terra. Gli abiti si ispirano, infatti, alle Madonne portate in processione e alle preziose vesti che avvolgono queste statue di culto.

Michele Miglionico.

Nei 30 capi che saranno presentanti dominano il nero, il rosso e il bianco, da sempre le tonalità più amate dallo stilista. Questa palette di colori ricorre in un gioco di pizzi, veli e trasparenze, che creano delle figure romantiche e sofisticate. D’altronde Miglionico è conosciuto per il suo stile classico e lussuoso, che riesce a integrarsi bene con un moderno romanticismo.

Michele Miglionico.

La collezione riesce ad incarnare senza sforzi l’essenza della Basilicata. Viaggia in bilico tra due binari, distinti, ma non lontani tra loro: da una parte la tradizione lucana, con la sua artigianalità e le sue tessiture; dall’altra la spiritualità che permea il territorio. Questa dicotomia, tra sacro e profano, è ben raffigurata dalle “Madonne Lucane” di Michele Miglionico, che sfileranno tenendo in mano dei rosari, altro rimando al tema della “Sacra Basilicata”.

Michele Miglionico.

Oltre ad essere un evento di moda, la serata si colloca all’interno della II edizione della Settimana della Cucina Italiana nel Mondo, promuovendo dunque l’enogastronomia lucana a livello internazionale, grazie anche alla presenza dello chef lucano Pino Golia.

Ancor più importante è lo scopo benefico dell’evento: far conoscere e sostenere l’Association DMLA.be, una onlus belga che dal 2004 si dedica esclusivamente alla malattia DMLA (degenerazione maculare legata all’età). La valorizzazione del buon cibo e della moda italiana assume ancora più rilevanza, diventando un mezzo di solidarietà e promozione della ricerca medica e scientifica.

Photo credits: Carbonelli & Seganti

© riproduzione riservata