La Moda non si arrende al Coronavirus, ma in questa fase il distanziamento sociale è d’obbligo e impone nuove regole: dunque, ecco il nuovo format Milano Digital Fashion Week.
La manifestazione, organizzata da Camera Nazionale della Moda Italiana, nasce dal successo di “China, we are with you” che a febbraio 2020, vista l’assenza di buyer e stampa cinese, ha permesso a 25 milioni di persone di assistere da remoto all’evento Milano Moda Donna.
Abbiamo già assistito ad alcuni esperimenti ‘digitali’ negli ultimi temi: la Fashion Week digitale di Shanghai, la sfilata evento di CR Runway con AmFar e la Monte-Carlo Fashion Week, che ha avuto come fulcro il futuro della sostenibilità nella moda.

Milano Digital Fashion Week: il calendario digitale

La Milano Digital Fashion Week si terrà online dal 14 al 17 luglio e nel suo calendario sono presenti collezioni uomo e donna primavera/estate 2021.

Ci sarà una piattaforma digitale con contenuti fotografici e video, interviste, momenti backstage eslot dedicati ad ogni brand. Inoltre, sono in programma molti contenuti esclusivi e webinar di approfondimento dedicati a tutti gli operatori del settore (solo su accredito).
Tra le novità più interessanti c’è la lectio magistralis in live streaming con figure di spicco del fashion system.

Milano Digital Fashion Week, 4

Credit: cameramoda.it

La Camera Nazionale della Moda Italiana sosterrà la produzione dei contenuti digitali dei brand più giovani. Parallelamente alle presentazioni delle collezioni, sarà attivata una sezione della piattaforma interamente dedicata agli showroom; uno strumento attivo per l’intera fase di vendita ai buyer internazionali.

“Lo sviluppo di una Fashion Week Digitale è una risposta concreta al momento che stiamo vivendo. Il nostro obiettivo è sia quello di sostenere la ripartenza dell’intero sistema Moda sia di raggiungere i media, i buyer e l’intera fashion community, attraverso una moltitudine di contenuti, studiati per tutti gli attori del sistema” – Carlo Capasa, presidente di Camera Nazionale della Moda.

Il risultato? Un modello di Fashion Week aperto a tutti, più inclusivo, al passo con i tempi e senza emissioni di CO2. Se volete seguire la Milano Digital Fashion Week – quest’anno dalla prima fila di casa vostra – sintonizzatevi su tutti i canali digitali di CNMI (cameramoda.it, Instagram, Twitter, Facebook, Linkedin, Weibo, Youtube).

Le grandi assenze: Giorgio Armani e Gucci non ci saranno

Tra i grandi assenti della nuova Milano Digital Fashion Week c’è Giorgio Armani, che ha deciso di presentare le collezioni Giorgio Armani ed Emporio Armani uomo e donna a settembre 2020 a Milano. Invece, la sfilata Armani Privé avrà luogo a gennaio 2021 in via eccezionale a Milano, nella storica sede di via Borgonuovo.
Questa decisione è in linea con il suo preannunciato “rallentamento attento e intelligente” nei confronti di una moda più attenta e sostenibile.

Milano Digital Fashion Week, 5

Sfilata Gucci AI 2020 – Credit: gucci.com

Dopo Re Giorgio, anche Gucci ha detto stop alle sfilate nel calendario ufficiale. Ora il brand italiano presenterà due sole collezioni l’anno: in autunno e in primavera, seguendo i suoi tempi e la sua creatività, invece che i tempi di produzione della moda.

“Settembre è domani. Non sfileremo. Andremo più lunghi. Si tratta di un atto d’amore nei confronti di tutto il sistema” – Alessandro Michele.

E le altre Fashion Week internazionali?

I calendari delle altre Fashion Week sono in continua evoluzione, visto che anche all’estero ormai molti stilisti si organizzano in autonomia per quanto riguarda sfilate ed eventi.
Attualmente il British Fashion Council ha annunciato che la prossima Fashion Week londinese avverrà dal 12 al 14 giugno su una piattaforma gender neutral, che punta tutto sullo storytelling dei creativi della moda britannica.

Parigi, sulla scia di Milano, ha programmato una Digital Fashion Week dal 9 al 13 luglio, anticipando quindi di una settimana il programma di CNMI. All’evento non parteciperà Saint Laurent, che ha comunicato tempo fa la sua uscita dal calendario parigino, per seguire solo i ritmi della sua creatività.
Infine, anche Michael Kors ipotizza di non sfilare alla New York Fashion Week di settembre. Lo stilista sta valutando se spostare lo show ad un’altra data o inventare qualcosa di completamente diverso.

 

Credit immagine di copertina: unsplash.com
© riproduzione riservata