Milano Moda Uomo slitta e si unisce alla Milano Moda Donna

Dopo il rinvio al 2021 del Salone del Mobile di Milano, anche Milano Moda Uomo si deve necessariamente fermare, almeno per ora, davanti all’emergenza Coronavirus.
Camera Nazionale della Moda Italiana ha annunciato che le sfilate e le presentazioni della moda uomo, previste dal 19 al 23 giugno 2020, si terranno invece dal 22 al 28 settembre 2020. Dunque, alla consueta edizione di Milano Moda Donna assisteremo a degli show co-ed (uomo e donna insieme).
La speranza è che dopo l’estate inizi finalmente una fase di normalizzazione e rinascita, di cui queste sfilate miste si fanno da portavoce.

Milano Moda Uomo 3

Locandina Milano Moda Uomo – Photo Credit: Camera Moda

Per giugno, la moda uomo ha comunque in serbo qualche sorpresa. Infatti, probabilmente si presenterà in una nuova veste, come si legge nel comunicato di Camera della Moda:

“Stiamo lavorando a nuovi formati digitali e a nuove modalità di incontro, per dar vita, nei giorni previsti da Milano Moda Uomo, ad altri momenti di narrazione […], nella consapevolezza che sarà fatto il possibile per avere delle collezioni pronte in quelle date per un inizio di campagna vendita innovativa. Gli 800 show room presenti a Milano saranno parte attiva di questi momenti narrativi.”

La solidarietà di Camera della Moda e dei brand

Dopo il rinvio di Milano Moda Uomo, Camera Nazionale della Moda Italiana ha destinato 3 milioni di euro al progetto di solidarietà “Italia, we are with you”.

“I nostri associati hanno fatto sistema aderendo con decisione ad un’iniziativa comune, in cui grazie alla forza di questa unione si è riusciti ad avere materiali di difficilissimo reperimento. Speriamo che contribuiscano a salvare molte persone che soffrono e a cui esprimiamo la nostra vicinanza” – Carlo Capasa, Presidente di Camera della Moda.

Milano Moda Uomo 4

Locandina “Italia, we are with you” – Photo Credit: Camera Moda

L’iniziativa è stata possibile grazie al contributo degli associati ed è aperta a tutti i brand moda e alle associazioni di settore. Al SSN verranno donati strumenti come macchine respiratorie, mascherine chirurgiche ed indumenti protettivi, da distribuire a tutti gli ospedali italiani che ne avranno necessità.

I soci di Camera Moda dimostrano così il loro cuore e la loro vicinanza all’Italia, ma non sono gli unici: nelle ultime settimane ci sono state tante e generose iniziative personali da parte dei brand di moda. Un esempio è la riconversione della produzione per realizzare mascherine del gruppo Miroglio o la realizzazione di gel disinfettanti del gruppo LVMH.

Dalle Fashion Week alle Cruise Collection: stop a tutto

Il Coronavirus ha stravolto i calendari della moda di tutto il mondo, a partire dalle sfilate Cruise Collection 2021 di aprile e maggio, fino ad arrivare alle tanto chiacchierate Fashion Week.

Per quanto riguarda la moda Cruise, Prada è stato il primo brand ha decidere di rimandare a data da destinarsi la sua sfilata di Tokyo del 21 maggio. In seguito, Gucci ha annullato la sfilata del 18 maggio a San Francisco e Versace il suo debutto sulle passerelle Cruise del 16 maggio negli Stati Uniti.
Alla fine, anche Alberta Ferretti, DiorChanel hanno dovuto piegarsi alle esigenze di questo momento storico.

A distanza di poco, le stesse decisioni sono state prese anche in Francia per le collezioni maschili della Paris Fashion Week e per la Haute Couture. La Fédération de la Haute Couture et de la Mode ha cancellato le sfilate Uomo e Alta moda previste rispettivamente per il 23 giugno e il 5 luglio.
Di conseguenza, anche la London Fashion Week ha cancellato l’appuntamento con la moda uomo in calendario dal 13 al 15 giugno.
Anche la Monte-Carlo Fashion Week di maggio si arrende al Coronavirus, così come Ermanno Scervino, che avrebbe dovuto essere l’assoluto protagonista dell’evento con la sua sfilata Cruise.

Non solo Milano Moda Uomo: gli altri eventi di moda cancellati

Il Met Gala 2020 – la cerimonia con cui si inaugura l’annuale mostra al Metropolitan Museum di New York – non si farà. Nonostante le prime resistenze, anche questo appuntamento con la moda è cancellato. A maggio, dunque, non potremo assistere all’iconico red carpet e la delusione è doppia, perché il 2020 segna il 150esimo anniversario del Met.
Il tema di quest’anno sarebbe stato About Time: Fashion and Duration, ispirato a Virginia Wolf e ai libri che girano intorno al tema del tempo (Orlando, La Signora Dalloway, Gita al faro).

Milano Moda Uomo 5

Tessuti a Milano Unica – Photo Credit: milanounica.it

Infine, è arrivata anche la decisione del salone tessile Milano Unica, che sposta la sua 31esima edizione da luglio al 7-8-9 settembre, sempre alla Fiera Milano Rho. La creatività, però, non si ferma e la consueta presentazione delle ‘tendenze’ avverrà in forma digitale.
Resta da capire solo cosa decideranno per Pitti Uomo di giugno. Tutto il resto è in continuo divenire, anche se dopo questa crisi nulla sarà più come prima, nemmeno la moda. La moda, però, “potrebbe far nascere nuove emozioni e nuovi sogni“, come afferma l’headquarter di Dior.

 

Photo Credit immagine di copertina: Press Office Fendi
© riproduzione riservata