Sanremo si sa, nel bene o nel male, è ormai da 69 anni un intrigante argomento di discussione. Anche quest’anno, nonostante il calo di ascolti, non sono mancate le critiche e le polemiche, soprattutto in fatto di look. Per cinque sere abbiamo visto calcare il palco dell’Ariston da outfit di straordinaria eleganza e, al tempo stesso, da scelte davvero discutibili. Di seguito vi presentiamo quelli che secondo noi di Artwave, meritano di essere considerati Top e quelli che, invece, sono stati dei veri e propri Flop look di Sanremo 2019.

Top look

Iniziamo con la protagonista femminile di questo Festival, Virginia Raffaele. La presentatrice per tutte e cinque le sere, ha dimostrato di avere classe e portamento; ecco perchè ci siamo sentiti di promuovere la maggior parte dei suoi look. Dagli elegantissimi abiti di Armani Privè indossati la prima sera, abbiamo poi sognato con la voluminosissima creazione di Atelier Emé dal rosso vivo. Anche i long dress sparkling, firmati Philosophy di Lorenzo Serafini, si sono dimostrati una scelta raffinata e perfetta per l’occasione!

Si è saputa distinguere per il suo charme straordinario, Paola Turci. La cantante, per l’intero Festival di Sanremo ha scelto di affidare i suoi look a Dsquared2. E il risultato non poteva che essere vincente! Le raffinate tute dalle linee pulite e la scollatura profonda, sono state indossate in versione total white, per la prima sera, e total black per la seconda.

Ospite della seconda serata è stata la bellissima Michelle Hunziker. Un vulcano di gioia e vitalità, che solo l’anno scorso si trovava a Sanremo in veste di presentatrice. Torna sul palco dell’Ariston con lo stesso sorriso e la stessa disinvoltura, avvolta in un lucente abito di vinile laccato con gonna-pantalone, realizzato da Armani Privè. Con un look sopra le righe, anche quest’anno Michelle ha saputo osare, senza prendersi troppo sul serio.

Michelle Hunziker in Armani Privè – Photo Credit: Ansa

Spezziamo una lancia a favore delle giacche firmate Etro di Bisio e Irama. Seppur tanto criticate e paragonate a tappezzerie di divani, noi di Artwave ci siamo sentiti di inserirle tra i “Top look” per premiare la particolarità della lavorazione e la scelta di uno stile retrò, fuori dal comune.

Claudio Bisio e Irama in Etro – Photo Credit: FoxLife

Pioggia di cristalli e fiori ricamati per Serena Rossi, ospite della terza serata. In un abito strapless di Blumarine la Rossi si esibisce sul palco dell’Ariston con grande femminilità. Promossa a pieni voti!

Serena Rossi in Blumarine – Photo Credit: Il Fatto Quotidiano

Una personalità irriverente, che si riflette inevitabilmente nei suoi look. Stiamo parlando di Achille Lauro, uno dei cantanti in gara più discussi di questa edizione. Giacca alla coreana, spilla a forma di ragno al posto dei papillon e occhiali da sole a specchio. Lauro porta all’Ariston l’allure di una vera rockstar.

Achille Lauro in Carlo Pignatelli – Photo Credit: FoxLife

Flop look

Passiamo ora a quelli che sono stati gli scivoloni del Festival 2019, in fatto di stile.

Sebbene la cara Virginia non se la sia cavata affatto male nella scelta delle sue mise, l’abito tempestato di paillettes nere e rosse con effetto degradé, non ci è proprio andato giù. Un vero pugno nell’occhio, indossato dalla Raffaele in occasione della finale. Sbaglio o anche a voi fa pensare ad una lattina di Coca Cola Zero?

Virginia Raffaele in Armani Privè – Photo Credit: Today

Sempre in tema paillettes, gli outfit di Federica Carta hanno fatto da catarifrangente al Teatro dell’Ariston. Per la prima serata, la giovane cantante si è presentata con un mini-dress fucsia by Blumarine e, non contenta, ha riproposto un modello simile per la finale. Neanche gli occhiali a specchio di Achille Lauro sarebbero serviti al pubblico, per proteggersi da cotanta luce!

Loredana Bertè non passa inosservata con i suoi abiti fotocopia. Capelli blu, gonna cortissima e mini-tracolla, la cantante ripropone ogni sera lo stesso modello di Gianluca Saitto, variandone soltanto il colore. Che sia la regina degli eccessi lo sapevamo, ma forse, almeno in questa occasione ci aspettavamo qualcosa di più rock e meno hard.

Il look da domatore di leoni di Gue Pequeno ci ha fatto molto sorridere. Il rapper, nella serata dei duetti, ha accompagnato quello che poi sarebbe diventato il vincitore della 69esima edizione di Sanremo. Nel completo Moschino, più che all’Ariston ci sembrava di stare al circo!

Gue Pequeno in Moschino – Photo Credit: Dilei

Un po’ troppo metropolitano è lo stile di Ghemon, che non si è abbassato agli abiti da grande soirée, presentandosi sul palco di Sanremo con capi over e giornalieri. Una scelta che non possiamo condividere!

Chiudiamo con Patty Pravo, vincitrice del premio al coraggio! Dal beauty look agli abiti, ci lascia sperare in un proseguo di Harry Potter in cui interpreterà la sorella di Voldemort.

Photo credit immagine di copertina: Lettera43
© riproduzione riservata