Sfilate appariscenti, stravaganti e decisamente fuori dagli schemi, si può ben dire che in questa edizione della London Fashion Week ne abbiamo viste di tutti i colori! Dal 15 al 20 febbraio le passerelle londinesi sono state impreziosite da sfarzo e glam, regalandoci show d’effetto che faremo fatica a dimenticare.

Ma in questa edizione della LFW a lasciarci a bocca aperta non sono state soltanto le creazioni eccentriche ed originali dei nostri fashion designer, bensì un’apparizione “reale” proveniente direttamente da Buckingham Palace. La notizia che nell’arco di 24 ore ha già fatto il giro del mondo, ha come protagonista la Regina Elisabetta in carne ed ossa, la quale ha preso parte alla sfilata di Richard Quiin per consegnarli il premio Queen Elizabeth II Award for British Design, istituito quest’anno e dedicato ai talenti emergenti della moda Brit.

Concentrandoci poi sugli show veri e propri, vi abbiamo già anticipato il tocco di fascinosa stravaganza che ha caratterizzato la maggior parte delle collezioni appena presentate nella capitale inglese. Ma vediamo nel dettaglio le più significative!

BURBERRY

Photo Credit: vogue.it

La maison chiude un’importante era con l’ultima collezione di Christopher Bailey per Burberry che in 30 minuti di spettacolo ripercorre la storia del brand attraverso capi iconici, come il trench, e l’inconfondibile texture a motivo check. Sfilano poi gli arcobaleni su cappe, bomber, maglioni e cappelli, come chiaro e sentito riferimento alla comunità gay e LGBTQ. Il finale è un trionfo con l’uscita di Cara Delevingne. Bella e graffiante, la modella britannica scoperta proprio da Bailey, indossa un teddy coat di proporzioni oversize rigorosamente rainbow.

CHRISTIAN LOUBOUTIN x MICHAEL HALPERN

Photo Credit: vogue.fr

Durante la London Fashion Week, Louboutin presenta la capsule collection di scarpe disegnata per Michael Halpern. Le calzature si sposano perfettamente con la psichedelica collezione di Halpern, ispirata alla disco anni 80. Sabot e stivali cuissardes vengono cosparsi da cangianti paillettes multicolor e pattern zebrati. Look eccentrici e scintillanti brillano sulle passerelle londinesi, regalandoci un piacevole ritorno al passato.

ASHISH

Photo Credit: Design Scene

Un tripudio di stoffe e colori si mixano nei look firmati Ashish. La collezione dal carattere vivace ripropone stampe floreali, stripes dai toni vibranti e tessuti come il lurex e il lamè. Dettagli vintage contrastano l’aura sparkling con l’inserimento di patchworks effetto uncinetto. Sulle passerelle di Ashish si respira aria di glitz e libertà.

ROKSANDA

Photo Credit: vogue.it

L’allure romantico che permea la collezione Autunno/Inverno 18 della stilista originaria della Serbia è indescrivibile. L’utilizzo insolito del tulle, ritagliato e modellato per creare abiti leggiadri e voluminosi ci lascia piacevolmente sorpresi. Lo stile delicato e femminile di Roksanda non scade nel banale. Al contrario, la designer riesce a dare nuova vita ad un tessuto semplice e di facile lavorazione, con straordinaria originalità.

MATTY BOVAN

Photo Credit: vogue.it

Stella nascente della moda londinese, Matty Bovan per la sua prima personale si ispira al guardaroba della nonna defunta. Pied-de-poule e tweed vengono rielaborati e mixati a trame retrò. Sovrapposizioni ed asimmetrie caratterizzano gli outfit pensati da Bovan. Ma  rendere unici i suoi look sono gli imponenti copricapi creati con tulle e palloncini. Il primo show del giovane designer non passerà di certo insosservato!

 

© riproduzione riservata