Jeremy Scott, l’inimitabile direttore creativo di Moschino, è l’artefice della nuova capsule collection ispirata al videogioco più celebre degli anni 90: The Sims. Ancora una volta Jeremy mostra come la capacità di non prendersi troppo sul serio e il coraggio di portare avanti idee stravaganti, possano contribuire al raggiungimento del successo. Sono proprio questi i punti di forza di una grande personalità a cui va il merito di aver rilanciato una storica casa di moda italiana, che sembrava ormai essersi spenta insieme al suo fondatore – Franco Moschino – scomparso nel 1994.

Moschino – the official page

L’inconfondibile stile di Jeremy Scott

La rivisitazione di una cultura pop è il suo tratto distintivo. Jeremy Scott pone al centro delle sue collezioni simboli e icone e di una società consumistica e mainstream. Ed è soprattutto nelle capsule collection che lo stilista americano esprime appieno la sua originalità, lasciandosi ispirare dai più disparati ed impensabili oggetti, personaggi, marchi e loghi, noti per aver caratterizzato intere generazioni. Tra gli esempi di collezioni irriverenti firmate Moschino, non possiamo non citare la linea d’esordio di Jeremy Scott, lanciata nel 2014 durante la Milano Fashion Week, che si ispirava alla catena di fast food più famosa al mondo: Mc Donald’s.

Fall/Winter 2014-2015 fashion show – Moschino the official page

Nel 2015 la maison ha poi presentato Barbie Moschino, con otto capi ready to wear protagonisti dell’amatissima capsule collection. Ed ancora, tra clamore e provocazione, con la Moschino Capsule Collection Medicine Jeremy Scott ha smosso gli animi dei più sensibili con abiti ispirati al packaging e ai foglietti illustrativi dei farmaci, disegnando blister e pastiglie su capi e accessori. Nonostante le accuse di esagerazione e sfrontatezza, mosse dai puritani della moda, le collezioni di Jeremy hanno riscosso fin dai primi anni fama e popolarità, soprattutto tra le celebrities, distinguendosi per unicità ed ironia.

Moschino x The Sims

Veniamo ora all’ultima trovata di casa Moschino! Nello scenario desertico di Palm Spring, in occasione dell’annuale party  di apertura del Coachella, Jeremy Scott ha presentato la sua Pixel Capsule Collection. Insieme alla collezione ready-to-wear sono stati lanciati otto pezzi in limited edition, messi in vendita dal 13 aprile in tutti gli store Moschino e su Moschino.com. La capsule prende il nome dalle grafiche pixelate, utilizzate dallo stilista per richiamare lo stile del videogame simulatore di vita reale. Anche nel video promozionale della collezione, i modelli vengono immersi nel mondo virtuale di The Sims, confondendosi con la realtà.

Tra i capi più gettonati, spicca il costume Plumbob all over con logo in lettering sulla spallina, l’abito in popeline con stampa denim effetto pixel,  marsupi e borse in pelle con disegno trapuntato, ed ancora le immancabili cover per Iphone Lucky Bunny e Teddy Bear. Inoltre, a seguito del lancio della capsule, la felpa Freezer Bunny è stata inserita all’interno di tutti i videogiochi The Sims.

Ancora una volta, Jeremy Scott riesce a stupire il suo pubblico ideando una capsule inedita, in cui la componente virtuale si mescola al reale creando l’illusione di sentirsi parte di un vero e proprio videogame.