La Moda è una delle più creative forme d’Arte tramite cui gli stilisti, stimolati dai temi più bizzarri, sviluppano collezioni uniche nel loro genere. Negli ultimi anni, frequentemente sulle passerelle di Alta Moda si sono alternate collezioni ispirate al tema del viaggio, nelle quali oltre a presentare abiti di evidente richiamo alla cultura di specifici Paesi, sono state allestite location a imitazione di determinati luoghi o addirittura si è scelto di ambientare sfilate in scenari meravigliosi quali deserti, grattacieli o paesaggi innevati.

Dalla classifica che segue scopriamo in che modo le grandi Maison si sono lasciate influenzare da culture, tradizioni e paesaggi lontani, ideando dei veri e propri capolavori!

1) Pierre Cardin, sfilata nel deserto Dunhuang

pierre cardin 2

La Maison francese nel 2007 ha scelto un’insolita ambientazione per la sua Collezione Primavera/Estate, ispirata a Marco Polo. Duecento modelli hanno sfilato nell’esotico deserto della Cina, indossando creazioni singolari e dai colori vivi. A chiudere lo spettacolo, una sposa-modella con abito rigorosamente bianco e dal taglio ondulato, ha attraversato la passerella su di un cammello. Il successo del Fashion Show è stato tale da lasciare critici e giornalisti a bocca aperta!

2)Chanel, sfilata con Iceberg

chanel iceberg 2010

Karl Lagerfeld, per la sfilata Chanel Autunno/Inverno ha trasformato il Gran Palais di Parigi in un attendibile paesaggio glaciale. Un blocco di ghiaccio, di circa 250 tonnellate, importato dalla Svezia e lavorato da 35 scultori, ha caratterizzato la scenografia dell’evento. Le modelle hanno sfilato ad una temperatura di -25° con pellicce, abiti e accessori Yeti.

3)Alexander McQueen, Japan inspiration

mcqueen 2014

La sfilata ispirata al Giappone di Alexander McQueen ha esposto in passerella maschere, Kimono, sete pregiate e decorazioni orientali. La designer delle creazioni, l’inglese Sarah Burton, ha collocato sulla scena due grandi orchidee attorno alle quali le modelle hanno elegantemente sfilato. Colori e fantasie sono stati deliberatamente scelti per richiamare lo stile nipponico e rivisitare la concezione della geisha, in chiave moderna.

4)Alberta Ferretti, sfilata ispirata all’arte Messicana

328b1-mfw_ferretti (primavera 2014)

Per la Primavera/Estate 2014, Alberta Ferretti si è lasciata influenzare dalla tradizione messicana, ispirandosi in particolare alla nota pittrice del luogo, Frida Kahlo. Ad attirare l’attenzione del pubblico sono state le esplosioni di colori e le applicazioni floreali. Abiti per lo più semplici, linee basic e gonne ampie in contrapposizione con le stoffe variopinte, hanno sfilato lungo la passerella trasmettendo leggiadra libertà.

5)Valentino, sfilata ispirata all’Africa

valentino africa 2015

L’Africa di Valentino per la Collezione Primavera/Estate 2016 ha sfilato a Parigi. Costumi tribali, colori della terra, sandali alla schiava e treccine africane, tutto curato nei minimi dettagli  per ricreare un ambiente selvaggio e primordiale. Maria Grazia Chiuri e Pierpaolo Piccioli, designer celati dietro al brand “Valentino”, hanno dichiarato di aver guardato al mondo delle immigrazioni e delle altre culture come forme di stimolo per il loro ultimo lavoro.

© riproduzione riservata