Sarà una venticinquesima edizione ricca di iniziative e con una partecipazione molto ampia di artisti.  Dal 4 al 6 ottobre Faenza si tingerà di indie. Tanti gli artisti più o meno noti nel panorama italiano, da Morgan ai Marlene Kuntz, passando per Fulminacci e i Negrita. Negli anni, il MEI ha rappresentato un trampolino di lancio importante per tanti artisti italiani e storicamente si svolge ad inizio autunno a chiudere la stagione dei festival estivi. In parte è al MEI che la prima generazione di artisti indie è passata prima di diventare nota ai più: Afterhours, Bluvertigo, i già citati Marlene Kuntz (che ritireranno il premio al trentennale della loro carriera), Offlaga Disco Pax, Baustelle sono solo alcuni dei nomi più noti che sono passati per i palchi del MEI negli anni. 

In 25 anni di esistenza sono oltre 800mila le presenze, 10mila gli artisti esibiti e una forte attenzione mediatica negli anni sono dati che fanno del MEI un laboratorio della musica alternativa italiana. Un’iniziativa che alterna premiazioni ad esibizioni. Quest’anno verranno premiati Morgan alla carriera, Giovanni Truppi come miglior artista indie del 2019, Fulminacci per il miglior esordio indie del 2019, i MON come migliore band alternativa del 2019 e tanti altri. 

Di seguito il programma della tre giorni: 

• Venerdì 4 ottobre apertura del MEI con le inaugurazioni di alcune mostre: Liscio, gasato e the popdedicata alle orchestre di liscio degli anni ’60 e ’70,I Manifesti”, curata dal collettivo Malleus e la mostra fotografica I 100 scatti big del MEIa cura di Raffaele Tassinari. Sarà presentato anche il film “Prima che il gallo canti… il Vangelo secondo Andrea” presentato dal regista Cosimo Damiano Damato.

• Sabato 5 ottobre  sarà la giornata dedicata alle “prime volte al MEI”: al Palazzo delle Esposizioni si terrà la prima Fiera del Disco e farà il suo debutto alla Galleria della Molinella il primo Digital Day, che vedrà la presenza di diversi attore del Digital Music Business; per la prima volta verrà consegnato il Premio Ciamp (dedicato al grande cantautore Piero Ciampi di cui si celebreranno i 40 anni dalla scomparsa), ai Marlene Kuntz, per i loro 30 anni di carriera. Come di consueto, si terranno il Forum del Giornalismo Musicale, a cura di Enrico Deregibus, la consegna delle Targhe MEI Musicletter, a cura del giornalista Luca D’Ambrosio, le finali di MEI Superstage e del Premio dei Premi, riconoscimento assegnato ad uno dei vincitori dei 10 premi dedicati ai celebri cantautori scomparsi (Premio Pierangelo Bertoli, Premio Bindi, Premio Buscaglione, Premio Alberto Cesa, Premio Ciampi, Premio Bianca d’Aponte, Premio Fabrizio De André, Premio Bruno Lauzi, Premio Andrea Parodi, Premio Manente), coordinato da Enrico Deregibus. Sabato sera a Faenza ci sarà la notte bianca, durante la quale concerti e premiazioni animeranno tutta la cittadina. L’appuntamento principale è in Piazza del Popolo, con i concerti di MORGAN e i NEGRITA. A condurre la serata sarà Lorenzo Baglioni, insieme a Radio Bruno.

• Domenica 6 ottobre ci saranno esibizioni e workshop nel centro storico di Faenza, per la grande chiusura del MEI. Ci sarà la finale del concorso MEI Superstage, che porta sul palco le migliori novità emergenti del panorama indipendente e le esibizioni dei vincitori del contest “Giovani Talenti di Romagna”, Balto, Argento, OOTB, Rosaspina, Silk e Le Lucertole. Verrà premiato anche il miglior videoclip dell’anno con il PIVI”, Premio Italiano Videoclip Indipendente, coordinato dal MEI con Fabrizio Galassi e Riccardo de Stefano, in collaborazione con Biennale MArteLive – Sezione Videoclip. Riceverà un riconoscimento anche il vincitore del contest “Un racconto in pentagramma”, il concorso per racconti sulla musica in cinque righe quest’anno dedicato al tema “Quella volta al concerto”, a cura dello scrittore Cristiano Cavina. Infine, Piazza del Popolo sarà, come sempre, teatro di concerti e musica dal vivo.

 

Fonte immagine copertina: pagina Facebook MEI.
© riproduzione riservata