L’estate 2020 sembrava destinata ad essere senza concerti ed eventi live. Invece tanti non si sono dati per vinti, dimostrandosi dei veri e proprio “cuori impavidi”.

Dopo aver annunciato il rinvio del MI AMI al 2021, sono stati proprio Magnolia e MI AMI, in collaborazione con Flowe (app di pagamento destinata ai giovani e attenta alla sostenibilità ambientale) a organizzare la rassegna di concerti dal titolo Cuori Impavidi.

Otto appuntamenti, ogni giovedì dal 16 luglio al 10 settembre, in una location che, attenzione, non è il Circolo Magnolia, ma l’Idroscalo, il “mare di Milano”.

Da Generic Animal a Vasco Brondi, dagli Eugenio in Via Di Gioia a Francesca Michielin, l’estate milanese torna ad accendersi, tra buona musica, una location decisamente suggestiva, birre e tanti sorrisi. Ovviamente, tutto all’insegna del rispetto delle norme igienico sanitarie. A fare da apri pista, lo scorso 16 luglio, sono stati: Brividee, Voodoo Kid, Post Nebbia, Irbis37 e Generic Animal.

Questo per tanti è il primo concerto dopo mesi di dirette su Instagram e qualche concerto in streaming. Nonostante siano passati cinque mesi dall’ultima volta in cui ci si accalcava per raggiungere per primi le transenne o per prendere da bere, si ritrova finalmente l’elemento imprescindibile di qualunque evento live: le persone. Non ci saranno gli abbracci, i poghi scatenati e le code scomposte, ma finalmente gli spazi tornano ad essere vissuti e la musica torna ad essere fatta di carne ed ossa e non di connessione internet e smartphone.

Da Brividee agli Irbis 37, voglia di live dopo cinque mesi di stop

Il primo a salire sul palco sull’acqua dell’Idroscalo è Brividee, giovanissimo artista monzese che apre il debutto della rassegna con i suoi brani che mescolano lo-fi pop ed emo trap.
A seguire Voodoo Kid, nome d’arte di Marianna Pluda, che per questo primo vero concerto post pandemia suona qualche brano in acustico e regala al pubblico, in anteprima, il suo nuovo singolo Domino, in uscita martedì 21 luglio.

Si arriva così ad ora di cena ed è il turno dei Post Nebbia, band padovana che unisce pop e psichedelia, e degli Irbis 37, trio che unisce rap e pop e arriva direttamente da Milano Nord, zona Bovisa. Questa prima serata porta sul palco tanti artisti emergenti, di generi diversi, ma accomunati tutti dalla voglia di suonare dopo uno stop forzato che sembrava non dovesse finire mai.

Generic Animal e la versione acustica del suo nuovo album Presto

Tanti occhi però, e soprattutto orecchie, sono lì per Generic Animal. Luca Galizia (questo il suo vero nome) ha pubblicato il suo ultimo album, Presto, lo scorso 21 febbraio. Un disco che avrebbe dovuto suonare pochi giorni dopo, il 26 febbraio, sul palco di Santeria Toscana 31. Una prima data che avrebbe dato il via al tour di promozione. Purtroppo, il 24 febbraio a Milano cominciavano ad essere annullati i primi concerti e, ovviamente, anche quello di Generic Animal.

Luca ha così dovuto aspettare ben cinque mesi per poter portare su un palco il suo ultimo album, in una veste decisamente inedita. Sul palco è da solo, con il suo cappellino in stile bucket hat e la sua chitarra. Nessun ospite, nessun altro strumento che non siano la sua chitarra e la sua voce. Tra la versione acustica di Presto e Scherzo, tratti dal suo ultimo disco, trovano spazio anche pezzi dei suoi lavori precedenti, come Aeroplani, Scarpe e Broncio.

Forse non era questo il set a cui Generic Animal aveva pensato tempo fa per portare in giro il suo album, ma il suo concerto è decisamente riuscito. Tralasciando l’emozione di ritrovarsi, rigorosamente seduti, dopo tanti mesi ad ascoltare musica live e cantare i propri brani preferiti, Generic Animal è un artista che porta sul palco una performance che non ha bisogno di fronzoli e manierismi per essere riuscita.

Un primo segnale di ripartenza

Così, poco prima di mezzanotte, le tribune dell’Idroscalo si svuotano, le persone indossano di nuove le mascherine e si spengono le luci sulla prima serata di Cuori Impavidi. La rassegna, partendo da questa prima data, vuole e riesce a lanciare un segnale importante a Milano (e non solo): la musica può ripartire in sicurezza, ricominciando ad abitare gli spazi, a far incontrare le persone e, soprattutto, a rimettere in moto un settore che è stato fermo per tantissimo tempo.

La seconda serata di Cuori Impavidi è prevista per oggi, giovedì 23 luglio, e vedrà esibirsi in un doppio spettacolo, alle 19:00 e alle 22:15, gli Eugenio in Via Di Gioia. I due concerti avranno in apertura rispettivamente LOGO MUSICA e Chiamamifaro.

Credits immagine di copertina: pagina Facebook MI AMI Festival
© riproduzione riservata