Tra le più grandi manifestazioni musicali, #FDMRoma è una vera e propria festa che vede la musica come protagonista indiscussa di questa grande celebrazione.
Venerdì 21 giugno si terrà, infatti, la Festa della Musica, che quest’anno arriva alla 34esima edizione europea.
Musicisti professionisti e, soprattutto, amatori potranno esibirsi liberamente in ogni angolo della città di Roma.
Le zone che verranno “colorate” da questa iniziativa sono tra le più svariate: strade, piazze, ville, mercati rionali, centri commerciali, musei, teatri, atenei, Chiese, stazioni ferroviarie, metropolitane ed aziende ospedaliere.
Le performance si espanderanno a macchia d’olio a partire dalle 16 fino alle 24, regalando così ben 8 ore consecutive di musica.
I generi musicali, che costituiranno il cuore pulsante della manifestazione, saranno: classica, elettronica, jazz, reggae, rock, folk, blues e tutti i relativi sottogeneri.
Il solstizio d’estate, quest’anno come anche quello scorso, avrà serie difficoltà a rimanere fermo.
La città sarà totalmente presa in ostaggio dalla musica e le persone riusciranno, almeno in queste 8 ore, a staccare la spina e a lasciarsi trasportare dalle sonorità e dalle vibrazioni.

La Festa della Musica di Roma si accenderà in contemporanea con tutte le altre città europee e del resto del mondo, le quali seguiranno la “Carta dei Principi di Budapest” stipulata l’1 novembre 1997, e le cui regole da rispettare sono semplicissime:

– La Festa della Musica si svolge ogni anno il 21 giugno, giorno del solstizio d’estate.

– La Festa della Musica è una celebrazione della musica dal vivo destinata a mettere in valore la molteplicità e la diversità delle pratiche musicali, per tutti i generi di musica.

– La Festa della Musica è un appello alla partecipazione spontanea e l’espressione gratuita di tutti i musicisti, professionisti e amatori, solisti e di gruppo, e di tutte le istituzioni musicali.

– Tutti i concerti sono gratuiti per il pubblico.

– La Festa della Musica è una giornata eccezionale per tutte le musiche e tutti i pubblici. I coorganizzatori si impegnano a promuovere, in questo quadro, la pratica musicale e la musica dal vivo senza fine e spirito lucrativo.

– La Festa della Musica è soprattutto una manifestazione all’aperto che si svolge nelle strade, sulle piazze, nei giardini pubblici, nei cortili… Alcuni luoghi al chiuso possono essere ugualmente impiegati ma solamente se praticano la regola dell’accesso gratuito al pubblico. La Festa della Musica è anche l’occasione di investire o di aprire eccezionalmente al pubblico alcuni luoghi che non sono, tradizionalmente, dei luoghi di concerti: musei, ospedali, edifici pubblici ecc.

– I coorganizzatori si impegnano a rispettare lo spirito e i principi fondatori della Festa della Musica come annunciati in questa carta.

Dal 1985, ogni 21 giugno, viene permesso alla musica di invadere ogni tipo di spazio vitale con l’obiettivo di unire e di far partecipare tutti i cittadini (tra cui studenti, artisti, amatori e professionisti) delle città aderenti.
Roma ha deciso di aprire le porte a questa magnifica iniziativa, registrando già numeri molto importanti. A pochi giorni dall’evento, sono state superate le 450 adesioni spontanee che coinvolgono, per ora, oltre 4.300 musicisti.
I numeri sono in costante crescita e questo renderà la Capitale una delle città con più partecipanti a livello internazionale.

“Finora sono oltre 450 gli appuntamenti registrati sul nostro sito, con oltre 4.000 artisti che porteranno la loro voglia di fare musica in tutti i Municipi. Numeri che ci raccontano come stia crescendo a Roma la partecipazione a questo evento, anche rispetto alle due precedenti edizioni organizzate dalla nostra Amministrazione, raccogliendo lo spirito della prima Festa della Musica organizzata in Francia nel 1982. È una manifestazione che sta diventando un appuntamento fisso, sentito, che libera la voglia di fare musica in tutti i territori della Capitale”,
ha dichiarato la Sindaca Virginia Raggi.

La Festa grida “Facci sentire chi sei!” e Roma risponderà in gran coro.

Per il programma aggiornato e completo: www.festadellamusicaroma.it
© riproduzione riservata