Torna anche quest’anno, dal 18 al 24 novembre 2019, la Milano Music Week, giunta alla sua terza edizione. MMW è un racconto a 360° dell’industria musicale, una settimana dedicata al mondo della musica durante la quale la capitale economica conferma il suo ruolo come “Music City” internazionale. Tantissimi gli eventi organizzati (concerti, dj set, show case, incontri, workshop di formazione, mostre ed eventi speciali) durante i quali si daranno appuntamento professionisti, realtà del settore (artisti, autori, case discografiche, promoter…) e appassionati che desiderano vivere una settimana all’insegna della musica in tutte le sue diverse sfaccettature.

Fonte: milanomusicweek.it

Il focus di Milano Music Week 2019

Luca De Gennaro, curatore della Milano Music Week e Vice Presidente Talent & Music di Viacom International Media Networks, ha affermato che quest’anno MMW nasce nel segno dell’internazionalizzazione, “di Milano come hub artistico in cui si arriva dal resto d’Italia e dall’estero per produrre musica”.
La conferenza stampa di presentazione della terza edizione, che si è tenuta lo scorso 21 giugno, giornata della festa della musica, si è svolta all’aeroporto di Milano Malpensa, luogo simbolico di scambio culturale, che rappresenta in pieno l’idea di viaggio, esplorazione e apertura di confini. In quest’occasione Levante si è esibita in tre canzoni in versione acustica. L’assessore Filippo del Corno ha spiegato che è stato scelto l’aeroporto come luogo di presentazione della manifestazione per la sua vocazione internazionale, la stessa che si vuole dare quest’anno alla Milano Music Week.

Conferenza stampa di presentazione della MMW a Malpensa
Fonte: milanopost-info


Protagonisti della terza edizione

Tra i primi nomi degli ospiti annunciati troviamo Piero Pelù e Levante.
Il rocker torscano sarà protagonista dell’appuntamento “MMW Incontra”, il ciclo di incontri in cui artisti italiani e internazionali raccontano al pubblico la propria musica attraverso aneddoti e curiosità. A questo si aggiunge una tappa del suo “Benvenuto al mondo tour”, che vedrà Piero Pelù esibirsi sul palco dell’Alcatraz martedì 19 novembre.
Levante si esibirà sabato 23 novembre al Forum di Assago. Proprio la cantautrice, già considerata un’icona pop, ha dato il via lo scorso giugno durante la giornata dedicata alla Festa Internazionale della Musica al racconto della MMW 2019 con un’esibizione inedita all’aeroporto di Milano Malpensa. Un evento significativo in uno dei luoghi che meglio simboleggia l’internazionalità e che, nel corso della settimana della musica, ospiterà altri appuntamenti con l’obiettivo di aprirsi ad un pubblico ancora più nuovo e allargato, consolidando ulteriormente il ruolo di Milano quale capitale dell’industria musicale in crescita ed evoluzione.

Opportunità per giovani artisti

Anche quest’anno MMW offrirà al pubblico la possibilità di conoscere più da vicino i luoghi dove si produce musica grazie alla partecipazione e all’apertura straordinaria delle principali case discografiche.
Nella sede della Polydor Records (Universal) sarà allestito un esclusivo palco dedicato ai nuovi talenti, che avranno l’opportunità di esibirsi di fronte agli addetti ai lavori in speciali performance, trasmesse anche in diretta sui social.
Warner Music, visto il successo delle scorse edizioni, riproporrà l’iniziativa “Warner Wants You” ospitando nei suoi studi provini live di nuovi artisti, mentre Sony Music metterà a disposizione il suo studio di registrazione “RCA Recording Studio” per una serie di panel, con produttori e ingegneri del suono, al fine di scoprire il dietro le quinte della nascita di un successo.
Conferma la sua collaborazione anche Virgin Records, etichetta del gruppo Universal Music Italia.


Linecheck, il main content partner di MMW

Per il terzo anno consecutivo Linecheck Music Meeting & Festival sarà main content partner della Milano Music Week.
Linecheck2019, il cui obiettivo è quello di creare ponti tra industrie il business italiano e il resto del mondo, prevede sei giorni di incontri e concerti per esplorare i possibili scenari futuri della musica alle soglie degli anni ’20. I temi portanti sono la diversità e il multiculturalismo, la musica come specchio e agente di cambiamenti sociali, tecnologici, mediatici, strumento per l’abbattimento di barriere culturali. Il guest country di quest’anno sarà, non a caso, il Canada, nazione portabandiera del multiculturalismo. L’altra America, proiettata nel futuro, conta il 22% di cittadini nati fuori confine, record tra i paesi G7.
Con il motto “Shape Your Future” ogni anno Linecheck dà appuntamento all’industria musicale italiana per affrontare temi caldi, dalle tendenze artistiche alle strategie commerciali e distributive, non dimenticando una particolare attenzione al valore sociale della musica: sotto il claim “Sounds Like Diversity”, l’edizione 2019 pone particolare attenzione ad inclusione e diversità.
Si esibiranno sul palco di Linecheck 19 artisti del calibro di Seun Kuti, figlio di Fela, Giorgio Poi, tra gli esponenti dell’itop il più orientato all’estero, e i canadesi Godspeed You! Black Emperor, band di culto post-rock.
Per la nuova sezione Linecheck Academy, Paola Zukar, manager di Fabri Fibra, Marracash, Clementino e autrice del libro Rap – Una storia italiana (2017), terrà una masterclass, martedì 19 dalle 10 alle 18, sulla figura del manager artistico nel rap e lo sviluppo della carriera di un artista sul medio-lungo periodo.

Fonte immagine di copertina: getyourguide.it
© riproduzione riservata