La gente ama la musica. Detta così sembra la regina delle ovvietà. Eppure non è un caso che le star con più follower in assoluto su Instagram siano anche musicisti. La conferma di quanto la gente ami la musica potrebbero essere gli incassi dei tour musicali dell’anno appena trascorso. Perché? Per cosa spendereste tanti soldi, voi? Per un’esperienza, per un viaggio. Un concerto non è un po’ entrambe le cose?

Pollstar, rivista di settore specializzata nell’analisi dei live, ha pubblicato la sua annuale lista dei tour con maggiori incassi. Sono emersi dei dati molto interessanti, come la resistenza dei miti del rock, il predominio dei solisti sulle band e una piacevole sorpresa per la musica italiana.

 

Ed Sheeran, Líder Máximo

4.860.482 biglietti venduti, 432.398.856 dollari. Spicci, e solo nel 2018. Perché il ÷ Tour (Divide Tour) di Ed Sheeran proseguirà anche nel 2019: riprenderà a febbraio con date in America Latina, Africa, Asia ed Europa. È di un paio di giorni fa la notizia che l’unica data italiana per cui sono ancora disponibili biglietti è quella di Firenze (il 14 giugno al Firenze Rocks). Sold out le date di Roma e Milano (16 e 19 giugno): comprensibile, dato che Sheeran mancava dall’Italia dal 2017.

Un ragazzone con la chitarra che canta canzoni d’amore è stato capace di battere band storiche come gli U2: i 432 milioni di dollari incassati dal Divide Tour sono inferiori agli oltre 700 milioni del 360 Tour degli U2. Peccato che la band irlandese ci abbia messo due anni per arrivare a quella cifra (dal giugno 2009 al luglio 2011). Il record assume una certa rilevanza proprio perché Sheeran riempie stadi e palazzetti pur esibendosi da solo con la sua Martin acustica, senza una band di supporto.

Ed Sheeran è stato criticato in questo modo da Noel Gallagher: “Non posso vivere in un mondo in cui Ed Sheeran fa il tutto esaurito a Wembley”. Fonte immagine: The Drinks Business

Andiamoci piano però con l’invidia e con facili invettive nei confronti delle giovani popstar. Il manager di Ed Sheeran, Stuart Camp, ricorda come molti colleghi, promoter e agenti, lo incalzino e cerchino di convincerlo ad alzare i prezzi dei biglietti (che costano quasi 40 dollari in meno della media) o a rendere concerti ed eventi meno accessibili, adottando misure come i VIP ticket.

Il nostro motto è sempre stato di essere quanto più possibile democratici e giusti. Organizziamo dei meet and greet (eventi in cui un personaggio famoso può incontrare i suoi fan e passare del tempo con loro, ndr), ma sono riservati a bambini svantaggiati o a vincitori di contest.

 

Taylor Swift batte la regina

Sul secondo gradino del podio c’è il quinto tour di Taylor Swift, Reputation: 2.8 milioni di biglietti per un totale di 345 milioni di dollari. Il tour si è tenuto esclusivamente negli stadi, il che spiega la cifra degli incassi di TayTay. Scettro e corona sono pronti per lei su un cuscinetto di velluto: il totale per i suoi tour ammonta a 925.6 milioni, quindi sicuramente con il suo prossimo tour raggiungerà la quota miliardo.

Hanno occupato il Louvre, ma sono riusciti a malapena a raggiungere il gradino più basso del podio. Al terzo posto abbiamo i coniugi Carter, Jay Z e Queen Bey. 254 milioni in revenue con le 48 date (tassativamente in stadi) del loro On the Run II Tour.

 

Il rock non è morto

Al sesto posto fra Bruno Mars e Justin Timberlake, che è tutto dire, troviamo gli Eagles, con il loro bel gruzzoletto di 166 milioni di dollari tondi tondi. Per ascoltare i successi della band di Hotel California bisogna fare affidamento su una bella cifra (e quindi avere delle entrare regolari), che le popstar delle prime posizioni non si sono arrischiate a chiedere ai loro (giovani) fan: una media di 172 dollari per biglietto contro gli 88 di Ed Sheeran, giusto per fare un esempio.

Dalla nona posizione troviamo personalità di un certo livello e con molta storia alle spalle: U2, Rolling Stones, i Journey a braccetto con i Def Leppard, e l’immenso Bruce Springsteen, col suo Springsteen on Broadway, che gli è valso un Tony Award.

In Bocelli we trust

Alla posizione numero 45 troviamo Andrea Bocelli, a quota 38.2 milioni di ricavi. È l’unico italiano presente nella classifica ed entro la top 50. Il suo ultimo album , uscito a distanza di ben 14 anni dal suo ultimo lavoro, Andrea, è una raccolta di inediti crossover: tra gli ospiti dell’album infatti figurano Tiziano Ferro e Ed Sheeran, che hanno scritto Amo soltanto te, e Dua Lipa nel duetto If Only.

Qui potete trovare la classifica completa stilata da Pollstar.

© riproduzione riservata