In questi giorni di quarantena, in molti hanno deciso di passare il tempo allenandosi in casa.
La redazione della sezione Musica ha deciso di creare una playlist fatta su misura, per accompagnare lo sforzo fisico a della musica energica ed esplosiva.

Manuel Saad ha scelto:

Foo Fighters – The Sky Is A Neighborhood

I Foo Fighters pubblicarono questo brano come secondo singolo del loro nono album Concrete and Gold.
Nel 2017, raggiunge la prima posizione nella classifica Billboard Mainstream Rock Songs e la settima nella classifica Alternative Songs.
Dave Grohl si lasciò ispirare dal cielo notturno delle Hawaii e scrisse quello che sarebbe diventato “The Sky Is a Neighborhood“, registrando la traccia in un solo pomeriggio.
Il titolo fa riferimento alla passione del frontman Dave Grohl verso l’astronomia amatoriale. Grohl spiega inoltre che la canzone:
“Parla fondamentalmente degli atomi che compongono la vita sulla Terra, compongono il corpo umano e sono riconducibili agli inizi del nostro universo. Le stelle che diventano instabili, collassano, esplodono e disperdono le loro viscere. I loro ingredienti fondamentali della vita sono in tutto l’universo: formano sistemi solari e le stelle che orbitano attorno ai pianeti hanno gli ingredienti per la vita stessa. E quando guardi il cielo notturno, ti rendi conto che non sei solo una parte dell’universo, ma l’universo è parte di noi. Mi commuove davvero.”

Ascoltando questo brano durante un allenamento, sarete capaci di alzare una Smart nel parcheggio della palestra.

X Ambassadors – Jungle

La linea ritmica di questa canzone, contrapposta ai cori, che accompagna una linea elettrica ed heavy, rappresenta il connubio perfetto che sottolinea la sua importanza nell’essere inserita in una playlist d’allenamento. Il featuring con Jamie N Commons ha contribuito a rendere il pezzo una miscela esplosiva che difficilmente riesce ad uscire dalla testa.
Gli X Ambassadors hanno raggiunto la fama in territorio italiano grazie al brano “Renegades“, una vera e propria hit nel 2015.
Il loro primo album VHS è riuscito a mettere in prima fila la voce di Sam Harris, la chitarra di Noah Feldshuh, la batteria di Adam Levin e le tastiere di Casey Harris, battezzando così una band funzionale e produttiva. Un album energico, adatto a tutte le situazioni, figuriamoci per un allenamento casalingo.

Claudia Pasquini ha scelto:

Dualipa – Physical

Il primo brano che abbiamo scelto è Physical di Dualipa, che vi aiuterà a prendere il ritmo e a scaldarvi al meglio. Premete play sul video qui sotto, che come potrete vedere non è il video ufficiale del brano, ma un video creato ad hoc dall’artista per allenarsi insieme ai fan. 

Insieme ad un gruppo di ballerini, Dualipa, con un abbigliamento perfetto per fare attività e in veste di personal trainer, comincia con un leggero riscaldamento, per poi passare ad esercizi di aerobica e infine esercizi per gambe e glutei.

Lizzo – Juice 

Anche nel video di Juice di Lizzo vengono suggeriti diversi esercizi che la cantante statunitense mostra nella sua divisa da palestra. Questo brano, allegro, frizzante e super divertente, è perfetto per gli esercizi al tappetino. Potreste utilizzarlo come sottofondo per gli addominali: saranno tre minuti impegnativi, ma provate a concentrarvi sulla musica, vedrete che passeranno più velocemente!

Mauro Bonomo ha scelto:

ANNA – Bando

Anna Pepe, aka ANNA, è nata a La Spezia nel 2003. Cresciuta in mezzo alla musica grazie al padre deejay, si avvicina presto alla scena hip hop. Collabora con Anis in ’24/7′ e ‘Holidays’, conquistando milioni di visualizzazioni su YouTube. Così decide di lanciarsi in una carriera solista che la porta, alla fine dello scorso anno, alla pubblicazione del suo primo – e finora unico – singolo: Bando è un pezzo super ritmato, su una base house, che entra in testa dopo un solo ascolto. E infatti è diventato virale ovunque non appena è uscito. Non c’è molto altro da dire su questa giovanissima rapper, se non il consiglio di seguirla su Instagram dove spesso pubblica freestyle.

Vampire Weekend – Cousins

Sembra ieri, eppure sono passati dieci anni da questo disco dei Vampire Weekend. Il titolo è ‘Contra‘ e uno dei singoli più riusciti è stato ‘Cousins‘. Chitarra schizofrenica e una batteria stravagante, un giro di basso ipnotico che si rompe nel breve ritornello senza perdere ritmo. I Vampire Weekend sono spariti dalle scene per qualche anno, dopo aver infiammato la scena indie degli anni ’10; sembravano definitivamente acqua passata e invece sono tornati lo scorso anno con un lavoro, ‘Father of the Bride‘, che dimostra una maturazione stilistica e tematica, restando gradevole e ben più interessante del precedente ‘Modern Vampires of the City‘. In ogni caso, ai tempi di ‘Cousins‘ la band era sulla cresta dell’onda con le sue canzoni in falsetto e qualche influenza world music a colorare i pezzi: di certo in questi giorni di allenamento casalingo può darvi la carica giusta per tenervi attivi.

Cristiana Dicembre ha scelto:

Moby – Lift Me Up

“Lift me up, lift me up
Higher now I’m up”

Sulle note di un ritornello che canta diplomaticamente, ma energicamente “tirami su, tirami su / più in alto ora sono più su” potremmo esibirci in uno stretching estremo, e perché no, in un esercizio particolarmente difficile durante la nostra sessione di allenamento indoor. Come se questa strofa fosse il nostro mental coach.

Effettivamente lo è: esplode dopo una strofa che veste bene i panni di ciò che stiamo vivendo in questi giorni: We traveled through hell”, per poi fiorire incitandoci di andare sempre più in alto.

Moby nel 2005 pubblica questo brano, nato come protesta per la rielezione del presidente George W. Bush, che ha intonato le case di tutti noi, lo abbiamo ascoltato in svariati spot pubblicitari, serie tv, film. Il set e l’ambientazione del videoclip riprende infatti migliaia di persone che ballano in platea, quasi a voler presentarci da subito la profonda vitalità ed energia.

E allora perché non riportarlo nelle nostre case, come mossa di contro attacco a questa quarantena forzata?

The Prodigy – Warrior’s Dance

La danza del guerriero.

La situazione attuale mondiale è una guerra contro un virus, così i molti la definiscono. Noi possiamo solo danzarci su. Si dia il caso che i guerrieri siamo noi, si dia il caso che le nostre armi sono divano e tv, si dia il caso che il nostro nido può diventare la nostra salvezza. Si dia il caso che per combattere la nullafacenza, deleteria a lungo andare, possiamo armarci di forza di volontà e, come chi già sta facendo, allenarci tra le mura della nostra casa.

Per far sì che la negatività non prenda il sopravvento, consiglio vivamente di nutrirci dei brani di questa band britannica, i Prodigy, che nel 2009 ci ha regalato un intero album dal titolo Invaders Must Die, esplosivo a dir poco. Ed in questo album ci ha inserito la traccia del guerriero, quella che lo invita a danzare.

Una traccia avvincente.

“Come with me to the dance floor
You and me, ‘cause that’s what it’s for
Show me now what is it
We got to be doing
And the music in the house”

Immaginiamo allora di trovarci tutti su un pavimento da ballo, insieme, a combattere sì, ma con l’esplosione di musica come questa che ci stimola a conoscere i limiti del nostro corpo, che ci invitano a farlo per riemergere più forti, che ci accompagnano mentre ci mettiamo a dura prova. Non attendiamo la fine del peggio inermi, abbiamo la musica in casa (and the music in the house): possiamo tutto.

Flaminia Zacchilli ha scelto:

Saweetie ft. GALXARA – Sway With Me

Birds Of Prey e la Fantasmagorica Rinascita di Harley Quinn è ormai sparito dalle sale italiane, ma la sua colonna sonora è passata tristemente in sordina. Un film costruito per celebrare l’affetto e il coraggio delle donne nelle difficoltà non può che ricevere una colonna sonora d’eccezione, con alcune delle più famose e talentuose nuove signore del pop. Saweetie, al secolo Diamonté Harper, si è fatta notare quest’estate con la sensuale My Type, ma Sway With Me è di tutt’altra pasta. È una canzone vivace, ricca e sintetica, in cui Saweetie e la sua compagna, la popstar debuttante di diciannove anni GALXARA, proclamano a gran voce la loro forza e il loro fascino.

L’intelligenza della traccia sta nel sample: riprendeSway, canzone del 1959 di Rosemary Clooney e Pérez Prado. L’idea di riciclare una canzone anni cinquanta dedicata a un’ideale d’amore sognante tipico del periodo, per una canzone chiassosa e sboccata sull’amore per sé stessi e sul volersi far notare, raccoglie in sé tutto il fascino colorato e femminista del film. Un tipo di pop molto “retro”, che ricorda gli anthem chiassosi e vivaci dell’inizio del decennio passato, che è sempre un piacere riscoprire. L’unica imperfezione sta nel titolo: ma se una piccolezza del genere è l’unico difetto di questa canzone vale sicuramente la pena di provarla.

Pagina Instagram dell’illustratrice: @flaviatrifiletti

Immagine di copertina: © Illustrazione di Flavia Trifiletti

 

© riproduzione riservata