“Life as a rendering” è un viaggio attraverso luoghi belli, perfetti, accattivanti ma spesso privi di un’anima. Luoghi che ai miei occhi assumono identità quasi virtuali, come un rendering che si ripropone di essere la rappresentazione di un (giusto?) modo di vivere lo spazio.
È uno sguardo sulla ricerca del bello e della perfezione che l’uomo spesso persegue, senza interrogarsi su cosa può davvero riempire la vita. I luoghi perdono dunque la loro identità, potrebbero essere ovunque, perché parte di una geografia interiore.

Stefano Giulio Pavesi, fotografo professionista dal 1994 e rappresentato per l’editoria dal 1996 dall’Agenzia Contrasto, si occupa di reportage sociali, attraverso un lavoro di documentazione di grandi eventi e vissuti quotidiani di respiro internazionale. Apprezzato ritrattista e fotografo di luoghi [geografici e umani], i suoi lavori sono pubblicati dalle maggiori testate italiane ed estere.
Vincitore del premio Canon con il progetto ‘Periferie’, ha partecipato a diverse mostre collettive e nel 2015 una mostra itinerante delle sue foto ha accompagnato il viaggio europeo della Carovana Internazionale Antimafie.
Porta avanti progetti di ricerca personale alla scoperta di nuovi modi di leggere la realtà.

 

Testo e fotografie di © Stefano Giulio Pavesi

Sito web: www.stefanopavesi.net