Warning: getimagesize(): Filename cannot be empty in /home/icittait/public_html/artwave.it/templates/qhtml5/html/layouts/joomla/content/blog_full_image.php on line 15

Valsugana, uno scrigno di meraviglie incastonato tra laghi e montagne è la meta ideale per una vacanza all’insegna della natura, dell’arte e della cultura.

Nell’immaginario collettivo la Valsugana, un po' come tutto il Trentino, è montagna, natura incontaminata, attività sportiva. La straordinaria orografia di questo luogo, caratterizzato dalla presenza di diversi gruppi montuosi, primo fra tutti quello dolomitico, la rende tra le mete più ambite per chi ama sciare e praticare sport all’aria aperta come l’alpinismo, l’escursionismo, la mountain biking.

Questo territorio, tuttavia, offre una gamma di opportunità interessanti anche per chi ama l’arte, la cultura, lo spettacolo dal vivo. C’è una valle, in particolare, in cui i sentieri di montagna non mancano affatto ma non sono, tuttavia, l’unica attrazione turistica. Stiamo parlando della Valsugana, collocata a metà strada fra Trentino e Veneto, immersa nel verde e nel blu.

Divertimento, relax, natura, arte e cultura: qui troverete praticamente tutto. E se siete particolarmente sensibili alle tematiche ambientali non potete proprio mancare di visitare questa valle che è, già dal 2019, la prima destinazione al mondo certificata per il turismo sostenibile secondo i criteri del GSTC.

Una magnifica veduta della Valsugana (fonte: wikimedia commons)
Una magnifica veduta della Valsugana (fonte: wikimedia commons)

Valsugana: il gioiello nascosto tra montagne e laghi

Moltissimi la conoscono soprattutto per la polenta che è diventata quasi proverbiale: non che questo piatto tradizionale non sia effettivamente al centro delle tavole valsuganotte, anzi. Tuttavia la Valsugana è molto, molto di più. Come nel resto della regione, anche qui la magnificenza della natura lascia senza parole. In particolare, i due laghi balneabili della Valsugana, quello di Levico e quello di Caldonazzo, colpiscono per le strabilianti tonalità tra il blu, il verde e il turchese. Entrambi premiati con il prestigioso riconoscimento della Bandiera Blu della FEE, sono circondati da ampie spiagge libere alberate – attrezzatissime e pulitissime- nonché da diversi stabilimenti balneari.

Il lago di Caldonazzo

Il lago di Caldonazzo è il più grande del Trentino ed è l’unico della zona in cui è possibile praticare lo sci nautico. Sulle sue sponde sorgono il borgo omonimo e alcune pittoresche cittadine: Calceranica, San Cristoforo e Tenna.

La bellezza dei Borgo Valsugana (fonte: wikimedia commons)
La bellezza dei Borgo Valsugana (fonte: wikimedia commons)

Il lago di Levico

La conformazione del lago di Levico, invece, ricorda molto quella dei fiordi norvegesi: una delle esperienze che consigliamo è proprio quella di attraversarlo in tutta la sua estensione noleggiando un kayak, un pedalò o, se proprio non volete fare alcuna fatica, una piccola barca elettrica. L’insenatura a nord vi sorprenderà con le sue meravigliose ninfee!

Dalle acque lacustri nasce il Brenta che scorre poderoso fino a Venezia. Lungo il fiume si sviluppano ben 80 km di pista ciclabile prevalentemente pianeggiante e perciò adatta davvero a tutti. Vincitrice dell’Italian Green Road Award, premio della stampa come ciclabile più verde d’Italia, la ciclopista valsuganotta offre scenari incantevoli e luoghi interessanti da scoprire. Tra i tanti segnaliamo in particolare la Casa Museo degli Spaventapasseri a Roncegno e la Mostra Permanente della Grande Guerra a Borgo Valsugana. E se arrivati a destinazione siete troppo stanchi per tornare indietro su due ruote, nessun problema: il treno della Valsugana, attrezzato ovviamente anche per le bici, vi riporterà indietro in meno di un’ora.

Valsugana: non solo montagne e laghi

Molto interessante, e non troppo lontano, trovate Arte Sella, un vero e proprio tempio dell’arte contemporanea immerso nella natura, a pochi km da Borgo. La cittadina principale della valle, Pergine Valsugana, offre da sola diverse attrazioni, dal meraviglioso Castello al Museo della Scuola.

C’è poi un modo originale e innovativo di scoprire il territorio urbano e non solo: infatti, attraverso gli eventi organizzati dal Pergine Festival, arte, sperimentazione dei linguaggi, storia e cultura locale si intrecciano alla perfezione. Tra gli eventi in programma ci sono performance, spettacoli itineranti e passeggiate per i boschi limitrofi al centro abitato.

Da non perdere Oltrepassare, un evento a cura di Azioni Fuori Posto in cui danza, scultura e suono si uniscono in un’azione site specific ispirata alla relazione tra uomo e montagna e alle imprese alpinistiche affrontate per valicare un confine.

Per gli appassionati di escursionismo, ma non solo per loro, c’è poi SoulTrek, un’esperienza unica di esplorazione e scoperta della natura. Un invito a lasciar sprofondare i propri sensi nell’ambiente di cui siamo ospiti e custodi, intrecciando cultura dei territori di montagna e cura verso la Terra, verso gli altri e verso se stessi.

La capacità e la qualità dell’accoglienza turistica trentina è notevole. La Valsugana conferma tali caratteristiche, offrendo diverse tipologie di strutture dove dormire, dagli chalet privati ai luxury hotels, e dove mangiare. Le località montane, di solito, non sono prettamente economiche: gli standard piuttosto elevati hanno un costo ed è giusto che sia così. Tuttavia, esistono molte opzioni in Valsugana che consentono di godersi la meritata vacanza garantendosi relax e benessere ma senza spendere una fortuna.



Giada Bortoletti
Giada Bortoletti

Editor della sezione lifestyle

Tra una passeggiata nel parco e una lezione di fitness amo leggere romanzi di amore e guardare film a lieto fine. Una vita sempre in ritardo e di corsa.