Nonostante le temperature altalenanti, le giornate primaverili cominciano a farsi sentire e a far venire voglia di cavalcare la moto per esplorare luoghi vicini e lontani che non si ha mai avuto modo di visitare.

La zona del Lago Maggiore si presta alla perfezione a questo scopo. Prima di passare all’itinerario consigliato per un tour su due ruote, però, vediamo alcuni consigli che possono essere utili per assicurarsi un’esperienza di viaggio al top.

 

Qualche dritta per il pre-partenza

Chiunque sia intenzionato a intraprendere un viaggio su due ruote, esperto o principiante che sia, dovrebbe avere alcune accortezze prima di partire. Bisogna infatti essere sempre prudenti e scrupolosi: meglio far controllare la moto dal meccanico di fiducia, che farà quindi un check generale con largo anticipo rispetto al giorno della partenza, onde evitare fastidiosi problemi dell’ultimo minuto.

Indossare degli indumenti tecnici di qualità, poi, è una vera garanzia per il motociclista: solo l’abbigliamento tecnico può garantirvi la massima sicurezza in caso di cadute e infortuni, oltre a proteggervi da vento e pioggia nel corso del viaggio.

Sempre nell’ottica della sicurezza, mai dimenticare il casco integrale e cercare di distribuire sempre correttamente il peso del bagaglio, in modo da non sbilanciare la moto.

Non dimenticate di verificare anche la validità della patente e della carta di identità; inoltre, dato che in viaggio la prudenza non è mai troppa, non bisognerebbe mai sottovalutare l’utilità di una polizza assicurativa in grado di mettervi al sicuro da danni e imprevisti vari; a tal proposito può essere utile calcolare su Assicurazione.it un preventivo per l’assicurazione moto, per avere un’idea del costo complessivo.

 

Lago Maggiore: un’idea di itinerario per le due ruote

L’Eremo di Santa Caterina del Sasso

Il Lago Maggiore è una zona praticamente perfetta per un tour su due ruote nel periodo primaverile, per via dei numerosissimi scorci affascinanti e per le strade tranquille dalle quali godersi il panorama in sella alla propria moto.

Il nostro itinerario parte dal confine meridionale del lago, indicativamente da Sesto Calende, per poi dirigersi verso Angera, così da fare una sosta per visitare la nota Rocca Borromeo. Proseguendo verso nord-est, ci si può dirigere verso l’Eremo di Santa Caterina del Sasso, che offre una vista della sponda orientale del lago davvero mozzafiato. Dall’Eremo, poi, si può proseguire per Cerro e arrivare a Laveno, una delle località turistiche più note del Lago Maggiore, circondata da piccoli borghi immersi nel verde. Il passo successivo è dirigersi verso il confine con la Svizzera, toccando con la propria moto mete come Zenna (proprio sul confine svizzero), Spino e Maccagno. Continuando a fiancheggiare il lago e godendosi le bellezze offerte dal panorama, l’itinerario può proseguire con Locarno, meravigliosa città della Svizzera meridionale che merita decisamente una visita, e Ascona, per poi tornare di nuovo al confine con l’Italia. Da qui si prosegue per Cannobio, Cannero Riviera, Feriolo, Bavero e Stresa. Infine, il tour in moto sul Lago Maggiore non può non concludersi con una visita a Belgirate, Lesa, Meina e Arona.